Investimenti: l’oro tornerà presto a brillare

A
A
A
di Redazione 28 Settembre 2021 | 14:32

“Dopo aver registrato una ripresa per la maggior parte del secondo trimestre 2021, l’oro è stato frenato dai ribassi di giugno e agosto 2021 e, in base al nostro modello di analisi, appare particolarmente sottovalutato. Un’inflazione che continua ad attestarsi attorno al 5% dovrebbe lanciare il prezzo dell’oro sopra i 2.000 dollari per oncia e invece la quotazione sta languendo”. Ad affermarlo è Nitesh Shah, direttore della ricerca di WisdomTree, che di seguito spiega nel dettaglio l’outlook.

Riteniamo che, quando l’oro riprenderà il suo comportamento abituale, dovrebbe salire rispetto ai livelli attuali e far fronte ai venti contrari costituiti dall’aumento dei rendimenti dei titoli di Stato e dal lieve raffreddamento dell’inflazione. Il suo comportamento anomalo è evidenziato anche dal suo scostamento rispetto ai tassi reali riscontrato negli ultimi mesi; tuttavia, com’è avvenuto ad esempio nel novembre 2019 e nel novembre 2020, queste divergenze di breve periodo vengono spesso corrette.

Il nostro quadro modello riesce a fornire una prospettiva sui prezzi dell’oro fino al secondo trimestre 2022 comprendente un consensus sui dati macroeconomici utilizzati.

Il consensus economico che determina i risultati

Il consensus, che tiene sostanzialmente conto della guidance delle banche centrali, secondo cui l’inflazione elevata sarebbe transitoria e influenzata per lo più da effetti di base, ritiene che l’inflazione scenderà al 2,6% nel secondo trimestre 2022,

In questo scenario, i rendimenti dei titoli di Stato dovrebbero salire, recuperando gran parte del loro calo (osservato negli ultimi tre mesi) verso la fine dell’anno, per poi salire ulteriormente fino a un livello che non riscontriamo dal 2019.

Il dollaro USA rimarrà abbastanza stabile nel corso dell’orizzonte temporale stimato, scendendo leggermente a 91,0 al termine del periodo di riferimento delle previsioni.

Per essere coerenti rispetto allo scenario di rientro dei timori legati all’inflazione e di aumento dei rendimenti dei titoli di Stato, prevediamo una diminuzione delle posizioni speculative dal livello attuale di 200.000 a 130.000 contratti long netti.

Tenendo conto di queste ipotesi nel nostro modello, otterremo un prezzo per l’oro di 1.890 USD/oncia entro il secondo trimestre 2022, ma potrebbe verificarsi un picco sui 1.970 USD/oncia entro la fine dell’anno; nonostante i venti contrari costituiti da un rallentamento dell’inflazione e dall’ascesa dei rendimenti dei titoli di Stato, in questo scenario l’oro tenderebbe comunque al rialzo dopo un periodo di sottovalutazione.

Altri scenari

Attribuiamo un 40% di probabilità allo scenario di consenso, ma abbiamo anche analizzato altri scenari: in uno scenario rialzista, con un’inflazione stabilmente alta e una banca centrale che non metta i bastoni tra le ruote, l’oro dovrebbe raggiungere un massimo storico di 2.190 dollari/oncia. Nello scenario ribassista, invece, una politica aggressiva da parte della Federal Reserve potrebbe determinare un calo dell’oro a 1.550 USD/oncia.

Conclusioni​

L’oro è attualmente sottovalutato rispetto al nostro modello di previsione; se torna a comportarsi come prima, può contare su un certo potenziale di rialzo. Anche nel nostro scenario di consenso in cui “soffiano” i venti contrari dell’inflazione in calo e dei rendimenti dei titoli di Stato in aumento, l’oro dovrebbe comunque migliorare rispetto ai livelli attuali.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Credit Suisse va forte in America Latina

Fondi, una raccolta da 10. Intesa schiacciasassi, Poste insegue

Investimenti: il portafoglio per i prossimi cinque anni

NEWSLETTER
Iscriviti
X