Mercati, Svizzera: la disoccupazione scende ai livelli pre-Covivid

A
A
A
di Redazione 7 Ottobre 2021 | 13:41

Il tasso di disoccupazione in Svizzera ha fatto segnare un nuovo calo a settembre, stabilendosi al 2,6% contro il 2,7% di agosto. Era dal febbraio 2020, prima dell’inizio della pandemia di coronavirus, che non si registrava un tasso di disoccupazione così basso, come riportato dal sito web della Rsi.

In cifre assolute, secondo i dati della Segreteria di Stato dell’economia, significa che negli uffici regionali di collocamento erano iscritte 6’061 persone in meno. La flessione è nettamente più marcata facendo il confronto con il settembre dello scorso anno, quando il tasso era del 3,2%, con 28.226 disoccupati in meno: un calo del 19%.

Lo scorso mese è in particolare diminuita il numero di disoccupati tra i 15 e i 24 anni, con 1.248 persone in meno (-9%) rispetto ad agosto e 6.517 in meno (-34,2%) rispetto a un anno fa. I disoccupati tra i 50 e i 64 anni sono invece calati di 1.481 (-3,9%) su un mese e di 3.330 (-8,4%) rispetto all’anno scorso.

A livello cantonale, il Ticino resta leggermente sopra la media nazionale, nonostante un calo del tasso di disoccupazione dal 2,8 al 2,7%, dopo il lieve aumento registrato in agosto. I Grigioni si mantengono invece decisamente al di sotto della media, malgrado un leggero aumento, dal 0,8 al 0,9%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Svizzera, occupazione in calo dell’1,6% nel secondo trimestre

Svizzera, export ancora in calo

Brusco calo del commercio mondiale

NEWSLETTER
Iscriviti
X