Mercati: il petrolio ha ritrovato un ruolo centrale. Come muoversi

A
A
A
di Redazione 20 Ottobre 2021 | 10:01

In Europa da gennaio i prezzi al consumo hanno continuato a crescere per effetto soprattutto dell’energia che solo a settembre ha fatto registrare un +17,4% su base annua e +1,3% rispetto ad agosto. Tra gli investitori, l’idea che l’inflazione sia sempre meno temporanea si fa via via più concreta, nonostante la BCE ritenga che si tratti di rialzi temporanei (peraltro senza chiarire quanto temporanei). Potrebbe essere così, se la variazione di prezzo delle materie prime non energetiche fosse isolata. Ma il rialzo del prezzo dell’energia si porta dietro una strisciante crescita dei prezzi di tutti gli altri beni che non consente, una volta esaurito il rimbalzo post pandemico, un aggiustamento vero il basso.

Se la crescita economica è stabile e robusta, non ci sono grossi problemi se i prezzi seguono lo stesso trend perché i maggiori costi unitari potrebbero non essere traslati sui consumatori in quanto compensati da minori costi medi derivanti dall’espansione e dal riassorbimento, relativamente rapido, di risorse non utilizzate.

Se invece i prezzi aumentano in un Paese che strutturalmente cresce pochissimo, qualsiasi fenomeno inflazionistico peggiorerebbe sia le aspettative sia il potere d’acquisto del reddito e della ricchezza. Considerando un ulteriore aumento del 20% dell’energia e delle materie prime alimentari, si arriva ad una previsione per il 2022 di crescita dei prezzi del 2,5% in Germania e del 3,2% in l’Italia. Sarebbe lecito chiedere alla BCE una azione restrittiva (i falchi fanno il loro mestiere).

Il ruolo del petrolio

E siamo al petrolio. Così come il rimbalzo dell’economia è straordinario, anche la crescita del prezzo al barile è straordinaria. Ci sono però due elementi che complicano il rapporto tra domanda, offerta e scorte: la politica e il sentiment/speculazione. La domanda USA di aumentare la produzione indirizzata all’OPEC è stata rispedita al mittente.

Non rimane quindi che riportare il petrolio iraniano sul mercato. E questa è proprio la decisione politica da prendere. Non siamo però così sicuri che ci sia tutta questa fretta. Le aziende dello shale oil infatti hanno spinto il sentiment di mercato in modo da far salire i prezzi in due modi: 1) non tornando ai livelli di produzione pre-Covid e 2) affermando che non aumenteranno la produzione neanche in caso di prezzi più alti di quelli attuali. Prima del Covid la produzione USA di scisto USA era pari a 13,1 mln di barili al giorno, ora siamo a 11,3 (il mercato stimava una produzione sopra 13,1).

Se guardiamo ai dati, è vero che la domanda è aumentata nel corso dell’estate e questo ha fatto scendere le scorte di greggio e benzina (come tutte le estati). Ma il trend si sta invertendo, tanto è vero che secondo GasBuddy, la domanda di benzina è scesa a settembre del 3,35%. Inoltre, secondo l’EIA l’utilizzo delle raffinerie a fine ottobre era pari all’89,6% ad indicazione che non esiste al momento e nell’immediato futuro una carenza di scorte.

Da segnalare che anche la produzione del Golfo del Messico, colpita dall’uragano Ida ad agosto e che aveva fatto salire i prezzi anche a settembre, è tornata in piena attività. Non sono quindi giustificati i rialzi di ottobre.

Difficile dire quale possa essere il prezzo “corretto” del petrolio. Il range individuabile con il PIL dei principali paesi occidentali in crescita tra il 2% – 2,5%, è compreso in un range tra i 45 – 65 dollari al barile.

A cura di Antonio Tognoli, Head of Research di Integrae Sim

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Top 10 Bluerating: Fideuram non ha rivali sui Bric

Banche regionali, il fintech è un toccasana

Investimenti, la parola d’ordine per il 2022 è “fiducia”

NEWSLETTER
Iscriviti
X