Ancora dubbi per Fannie Mae e Freddy Mac

A
A
A
di Redazione 22 Luglio 2008 | 07:17
La mattina si avvia con un’apertura difficile a causa dei numerosi campanelli d’allarme in termine di profitto visti sia ieri in America che oggi con Ericsson e Vodafone (-12%).Macroeconomicamente nulla di particolare a parte il price index delle case americane che potrebbe muovere un po’ il mercato in mancanza di altri spunti.

La giornata di ieri (lunedì) ha visto alla fine chiudere gli indici americani leggermente negativi dopo aver aperto nei dintorni dei massimi di giornata
 
S&P500 1260 -0.05%
NASDAQ 1819.76 -0.19%
DOW JONES 11467,34 -0.25%
 
Bank of America ha svolto da traino grazie ai risultati meno brutti del previsto, da notare anche qualche movimento sul fronte m&A con Roche che ha offerto 46,7 BL $ per la residualità di Genentech (+14,75%) ma alla fine hanno prevalso le brutte notizie con il proseguimento della discesa di yahoo (-3%) ed il ritorno dei dubbi sul credito con Fannie Mae e Freddy Mac. Si aggiungano in after market i brutti segnali in termini di outlook x Apple (ma con dati buoni) e Texas Instruments.
 
Il petrolio dopo aver testato a più riprese la soglia dei 132 dollari ha chiuso a 131,04 +1,68% contribuendo a far ritornare i soliti timori sul mercato.
 
L’euro si mantiene in rialzo contro le principali divise (1.593 vs $, 0.796 vs £).
 
La mattina si avvia con un’apertura difficile a causa dei numerosi campanelli d’allarme in termine di profitto visti sia ieri in America che oggi con Ericsson e Vodafone (-12%).
 
€stoxx  3297 -1.0%   con le telecomunicazioni in grosse difficoltà e gli energetici a difendere.
 
spmib  28065 -0,5%  con ancora Mondadori e Tenaris sugli scudi ed stm a soffrire per la congiuntura dei s/c.
 
dax  future -0.8%  Deutche Telekom ed infineon confermano i temi.
  
Macroeconomicamente nulla di particolare a parte il price index delle case americane che potrebbe muovere un po’ il mercato in mancanza di altri spunti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti