Banca Aletti: ecco le previsioni per il quarto trimestre

A
A
A
di Redazione 21 Ottobre 2021 | 14:43

Banca Aletti, banca private e investment center del gruppo Banco BPM, ha presentato l’outlook di scenario macro-globale per il quarto trimestre 2021. Il documento, che ha cadenza trimestrale, presenta contesto e prospettive economiche e finanziarie a livello globale, con approfondimento sull’Italia la cui condizione macroeconomica risulta particolarmente brillante. Infatti, la previsione di Banca Aletti vede una crescita del PIL del 6.0% quest’anno, molto superiore alla media europea (+4.7%) anche grazie all’inerzia acquisita; l’impulso resta molto forte nel 2022, con un aumento stimato del reddito del 4.7% (tre decimi in più della media di Eurozona e della Germania, otto in più della Francia).

Dopo avere sofferto la più grave crisi dell’epoca moderna nel 2020 (PIL in caduta dell’8.9%), l’economia italiana si avvia a sperimentare nel biennio in corso una performance storicamente considerevole, destinata a collocarla tra i motori della ripresa globale: già nel secondo trimestre, il PIL italiano ha segnato un aumento congiunturale del 2.7% (+17.3% su anno), più elevato della media europea (+2.2%) staccando la Francia (+1.1%), la Germania (+1.6%) e gli Stati Uniti (+1.6%).

A inizio settembre l’OCSE ha innalzato al 5.9% (dal 4.5% di maggio) la previsione di crescita per il 2021, segnalando che l’economia recupererà i livelli del 2019 entro la prima metà dell’anno venturo (PIL +4.1%).

L’attività industriale rimane trainante e il recupero rispetto alla crisi si è già completato: a luglio, infatti, l’indice della produzione si è collocato un punto e mezzo al di sopra del valore segnato a febbraio 2020. Come era previsto, l’export si conferma fattore fondamentale per l’industria: a giugno il valore aggregato totale venduto all’estero ha segnato un incremento superiore al 25% sull’anno precedente.  Anche il settore terziario, grazie alla progressiva riapertura delle attività (il commercio è cresciuto a fine giugno del 30% in un anno), è stato elemento determinante per una ripresa più diffusa. L’indice di fiducia PMI del settore dei servizi, si è collocato ad agosto a 58 punti, molto vicino al valore massimo raggiunto in più di vent’anni. Importanti miglioramenti sul mercato del lavoro hanno accompagnato, secondo i dati di luglio, la ripresa delle attività con la disoccupazione in calo al 9.3% (era 10.2% a inizio 2021) e con 29mila lavoratori dipendenti in più rispetto a febbraio 2020 (tuttavia il numero totale di occupati è ancora inferiore di 256 mila unità). Il PNRR, straordinario moltiplicatore della crescita, solleciterà maggiormente la modernizzazione dei sistemi e l’aumento strutturale del potenziale di sviluppo.

“Le previsioni di Banca Aletti, condotte dalla struttura Economic Research and Marchets Strategy – spiega Alessandro Varaldo, amministratore delegato, –si inquadrano in uno scenario generalmente favorevole alle azioni internazionali a dividendo con esposizione al fattore value e alle piccole e medie capitalizzazioni tra cui le eccellenze domestiche. La componente obbligazionaria è stabilmente investita in sottostanti di qualità diversificati per fonti di reddito; tasso variabile e obbligazioni di emittenti finanziari convertibili rappresentano le opportunità della nostra strategia di portafoglio a duration contenuta”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banca Aletti, Rigo nuovo direttore generale

Le strategie di crescita di Banca Aletti

Banca Aletti punta sulla consulenza tridimensionale

NEWSLETTER
Iscriviti
X