Criptovalute: la Russia vuole minarle il gas naturale

A
A
A
di Redazione 22 Ottobre 2021 | 14:02

Mentre in Europa c’è penuria di gas e a livello globale le quotazioni di questa commodity sono alle stelle, i Ministeri russi dell’industria, del commercio e dello sviluppo digitale starebbero analizzando la possibilità di autorizzare alcune industrie petrolifere in Russia ad utilizzare il gas naturale sprecato per alimentare i data center per minare le criptovalute. Lo rivela un report a cura del giornale russo Kommersant come riportato da Cryptonomist.ch.

La richiesta fa riferimento a quel gas naturale denominato “Associated petroleum gas”, che si trova nei giacimenti di petrolio e che non viene utilizzato ma disperso nell’aria o bruciato nel processo di estrazione petrolifero. È una risorsa che viene sprecata e che contribuisce a produrre gas serra. L’idea sarebbe quindi quella di utilizzare questo gas per alimentare i data center che si occupano di fare mining di criptovalute. Ciò avrebbe un doppio effetto:

  • reperire energia naturale per una attività notoriamente energivora come il mining;
  • rispettare l’ambiente.

Questa decisione potrebbe dare un’ulteriore spinta per una regolamentazione in Russia delle criptovalute e delle attività di mining. Dopo il bando della Cina a questo tipo di attività, Kazakistan e appunto Russia sono diventate mete molto ricercate per le aziende cinesi che si occupano di mining e che stanno lasciando il Paese.

Mining alla ricerca di nuove frontiere

Il bando all’attività di mining in Cina, che ospitava circa il 45% del mining mondiale, ha costretto centinaia di aziende di mining a dover emigrare verso altri paesi possibilmente con riserve di energie a sufficienza. Texas, Canada, Russia e Kazakistan sono stati fra i primi a manifestare interesse ad accogliere questi nuovi migranti digitali. In Texas in particolare si è mobilitata l’industria petrolifera e del gas, disposta a mettere le proprie infrastrutture energetiche a disposizione dei minatori di criptovalute.

La proposta della Russia di utilizzare il gas naturale segue la logica della ricerca di nuove fonti di energia rinnovabile, come energia nucleare o solare, per superare il problema dell’enorme consumo di energia di questa attività.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute e dichiarazione dei redditi: ecco cosa fare

Invesco lancia il Physical Bitcoin ETP

Criptovalute: ecco la prima Bitcoin City al mondo

NEWSLETTER
Iscriviti
X