Mercati: Centrale del Latte d’Italia raccoglie i frutti dell’integrazione con Newlat Food

A
A
A
di Redazione 28 Ottobre 2021 | 09:32

Centrale del Latte d’Italia chiude il primo semestre 2021 con ricavi per 136 milioni (+46%), grazie al contributo del ramo Milk&Dairy concesso in affitto dalla controllante Newlat Food con decorrenza 1° gennaio 2021. L’Ebitda cifra in 13 milioni (+34%) con una marginalità al 9,5% dal 10,4% di un anno prima e l’utile netto è quasi triplicato a 6,8 milioni grazie anche al rilascio di imposte differite. Diversa la lettura a parità di perimetro in quanto i ricavi, includendo i dati del ramo al 30/6/20, evidenziano un calo dell’8,3% con margini stabili (9,7% il dato pro forma). La società non fornisce una guidance per fine 2021, ma si attende un positivo proseguimento d’anno. Ecco di seguito l’analisi fondamentale su Centrale del Latte d’Italia elaborata dagli analisti di Market Insight.

        1. Modello di Business
        2. Ultimi Avvenimenti
        3. Conto Economico
        4. Breakdown Ricavi
        5. Stato Patrimoniale
        6. Evoluzione prevedibile della gestione
        7. Outlook
        8. Borsa

Modello di business

Centrale del Latte d’Italia, il cui azionista di maggioranza dal 1° aprile 2020 è Newlat Food, produce e commercializza prodotti che vanno dal latte e suoi derivati agli yogurt e alle bevande vegetali.

I prodotti del gruppo, attivo con 7 stabilimenti produttivi, vengono distribuiti con i marchi, tra i quali TappoRosso, Mukki, Tigullio, Centrale del Latte Vicenza, Giglio, Matese, Torre in Pietra, Optimus e Polenghi, sui territori di riferimento attraverso punti vendita sia della grande distribuzione che del commercio tradizionale.

Il portafoglio è organizzato nelle business unit  Milk Products, Dairy Products e Altri prodotti.

Ultimi avvenimenti

Con decorrenza 1° gennaio 2021 è divenuto operativo il contratto di affitto del ramo d’azienda della controllante Newlat Food. L’operazione, che ha comportato il conferimento in locazione degli stabilimenti e dei marchi legati al mondo milk & dairy (latte e prodotti a base di latte, nonché prodotti lattiero-caseari), ha posto le basi per un processo virtuoso di integrazione di medio lungo termine volto a sviluppare importanti sinergie industriali e commerciali. 

Clicca qui per continuare a leggere l’analisi fondamentale su Centrale del Latte d’Italia di Market Insight.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Sourcesense: le prospettive per il futuro e l’analisi di Market Insight

Banche, Finnat: masse totali a 18 mld e utile a 6 mln. L’analisi

Mercati, Gismondi 1754: scattano ricavi ed Ebitda. L’analisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X