Investimenti, Italia: ecco le variabili per il Pil 2021

A
A
A
di Maurizio Mazziero 8 Novembre 2021 | 14:01

Con la stima preliminare Istat del PIL terzo trimestre al 2,6% si sono ridotte di molto le incognite sul risultato finale della crescita annua, al momento al 6,1%. “Questo valore si definisce infatti acquisito, un termine che non va inteso come certo ma come crescita che sarebbe raggiunta qualora la variazione del PIL al quarto trimestre fosse pari a zero”, avvertono gli analisti della Mazziero Reserch, che di seguito illustrano nel dettaglio le loro previsioni.

Pur con questa considerazione il 6,1% verrebbe raggiunto comunque con stime del PIL al 4° trimestre compreso tra -0,1% e +0,1%, a patto che venisse confermato in seconda lettura dall’Istat un progresso del 2,6% nel terzo trimestre.

Mazziero Reserch ha così portato la stima al quarto trimestre al -0,1% dal -0,2% precedente, conservando ancora qualche cautela, che porta la stima annua al 6,1% dal precedente +5,8%.

Gli aspetti chefanno mantenere una nota di cautela sono principalmente due:

1. Un ritorno aggressivo in Europa dei contagi, che prima o poi potrebbe indurre criticità anche nel nostro Paese, sebbene il livello elevato delle vaccinazioni costituisca un argine naturale alla penetrazione e all’affollamento delle strutture sanitarie. Da questo punto di vista le attività più soggette ai cali di fatturato sono quelle relative all’intrattenimento, ai viaggi per turismo, specialmente durante le festività. Al tempo stesso potrebbero subire alcuni impedimenti anche le attività di lavorative, specialmente quelle dei servizi e dove vi è un’elevata presenza negli uffici.

2. Il forte incremento dei prezzi, alimentari freschi e beni energetici in particolare, che potrebbero minare la fiducia dei consumatori e indebolire il ritmo degli acquisti soprattutto durante le festività natalizie. L’elevata inflazione, giunta alla soglia del 3%, impatta sui salari più bassi e può determinare un calo dei consumi.

Un acuirsi di queste problematiche potrebbe ridurre il PIL del quarto trimestre, mentre una sostanziale neutralità dell’incidenza potrebbe ulteriormente aumentare la stima facendola entrare in territorio positivo e innalzando ancora di più il valore del PIL annuo che potrebbe così presentarei qualche decimale in più rispetto al 6,1%.

La tabella qui sotto mostra in che misura i valori del PIL al 4° trimestre potrebbero far salire il PIL annuo, considerando costante la stima del 3° trimestre al 2,6%. Si può quindi notare che un progresso dell’1% nel 4° trimestre darebbe un PIL annuo del 6,4%, mentre un arretramento dell’1,0% manterrebbe la crescita annua a un più che soddisfacente 5,8%.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, in arrivo anche in Italia il programma Vanguard 360

Mercati, utility: attenzione a questi titoli

Investimenti: i rischi delle elezioni presidenziali in Italia

NEWSLETTER
Iscriviti
X