Investimenti: ecco perchè il rally di fine anno non dev’essere un dilemma

A
A
A
di Redazione 15 Novembre 2021 | 14:01

Impennata dei prezzi delle materie prime, carenze, inflazione, annunciato inasprimento della politica monetaria statunitense, interruzioni in Cina, ritorno del Covid-19… Si può dire che i mercati azionari si siano liberati di queste crescenti preoccupazioni e abbiano mostrato una notevole capacità di recupero. Stanno di nuovo toccando i loro massimi storici, sulla scia dei risultati trimestrali delle aziende.

L’impennata del bitcoin è una perfetta illustrazione dello Zeitgeist. La criptovaluta più conosciuta è salita di quasi il 50% dalla fine di settembre e ha raggiunto un nuovo massimo storico. Eppure, poche criptovalute sono state individuate nelle ultime settimane per così tanti attacchi e controversie come il bitcoin. È stato criticato in Cina per l’impronta di carbonio dei minatori, preso di mira negli Stati Uniti per un presunto giro di vite normativo, e sospettato dalle banche centrali di essere pericoloso. Ma gli acquirenti non sembrano preoccuparsi. La creazione di un ETF indicizzato ai futures di bitcoin è stato un grande successo, con più di 1 miliardo di dollari di afflussi in soli due giorni.

Nemmeno il nervosismo generale ha avuto alcun impatto sui mercati. I solidi guadagni delle aziende hanno effettivamente colto in contropiede gli investitori troppo cauti. L’80% degli investitori professionali americani intervistati all’inizio di ottobre da Barron’s, un settimanale finanziario, si aspetta una correzione a Wall Street nei prossimi sei mesi, cioè un crollo tra il 10% e il 20%. E, naturalmente, quando l’intero mercato si aspetta che qualcosa accada, non accade mai.

Dunque, i principali indici occidentali hanno raggiunto i loro massimi storici e sembrano essere solidamente ancorati al trend rialzista che dura da diversi mesi. Ma lo sono davvero? Può darsi. O forse questa è una semplice fase di “short covering”.

Un ritorno a un atteggiamento risk-on può essere problematico in un panorama economico e politico così difficile, dominato da due questioni principali, fanno notare Eric Bertrand, Cio e ad di Ofi AM e Jean-Marie Mercadal, Head delle strategie di investimento dell’emittente:

  1. Il rischio di un rallentamento dell’economia. Da qualche mese, gli indicatori di fiducia dei consumatori sono in calo, soprattutto negli Stati Uniti. Questo non dovrebbe colpire troppo le aziende, dato che la produttività è ancora forte per il momento. Ma il rischio di rallentamento potrebbe anche essere esacerbato da politiche fiscali più restrittive. Stiamo per colpire la fine del “whatever it takes” quasi ovunque nel mondo. Negli Stati Uniti, i due piani di stimolo non sono stati approvati così come sono e saranno più modesti del previsto.
  2. La Cina, dove il settore immobiliare è stato particolarmente colpito, e rappresenta quasi il 30% del PIL. La crescita della Cina è stata quasi nulla nel terzo trimestre. Mentre un rimbalzo è probabile nel quarto trimestre, c’è poca visibilità nel contesto attuale. La decisione di imporre una tassa sugli immobili (i cui termini non sono ancora chiari) potrebbe rallentare drasticamente gli investimenti in questo settore.

Dei 6 miliardi di dollari originariamente previsti per i due piani (infrastrutture e sociale), dovrebbero rimanere solo 2,5 miliardi di dollari. Questo significherà uno stimolo fiscale più ridotto l’anno prossimo, rispetto a quest’anno. Nella zona euro, sta emergendo un consenso nei paesi del sud per continuare a sostenere l’economia, nonostante “surplus” di entrate fiscali migliori del previsto (in realtà, deficit fiscali inferiori al previsto).

Quindi, è probabile che l’aumento delle aspettative di inflazione visto negli ultimi mesi si fermi, il che sarebbe una buona notizia. Anche l’inflazione implicita è aumentata bruscamente nell’ultimo anno e mezzo, da quasi l’1,00% al 2,65%, che è più vicino al massimo di 20 anni. Lo consideriamo un indicatore importante, poiché le banche centrali tendono a tenere d’occhio questa percezione dell’inflazione a lungo termine. Questo illustra la loro credibilità e limita le pressioni sui mercati obbligazionari. Per il momento, gli investitori accettano i tassi reali negativi, poiché, come le banche centrali, sembrano credere che l’aumento dell’inflazione sia un semplice fenomeno transitorio.

Le banche centrali sono riuscite a creare condizioni favorevoli al finanziamento dei governi, e il loro debito non sta peggiorando. Di conseguenza, dato il rischio di un rallentamento dell’economia, e se le aspettative d’inflazione si ritirano, i mercati obbligazionari dovrebbero stabilizzarsi nel complesso, con rendimenti intorno al 2% sulla carta statunitense a 10 anni e allo 0% sul Bund. Questo è il punto più importante. Ricordiamo che i tassi di interesse a lungo termine sono il punto di ancoraggio per la valutazione di tutti gli asset.

“A nostro avviso – affermano da Ofi Am – il rischio principale per i mercati non è più la pressione al rialzo dei rendimenti obbligazionari, ma un rallentamento dell’economia che potrebbe innescare previsioni di guadagno al ribasso“.

“Inoltre, mentre il rischio di fuga dei tassi sembra essersi allontanato, il contesto economico, geopolitico e di salute pubblica non favorisce l’assunzione di rischio a breve termine nei portafogli. Abbiamo quindi la sensazione che non abbia senso cercare di unirsi ciecamente al possibile rally di fine anno. Preferiamo attenerci alle posizioni azionarie che sono in linea con le nostre allocazioni strategiche, e le rafforzeremo in caso di ribassi”.

Lo scenario centrale secondo Ofi AM

Le banche centrali continuano a guidare efficacemente la normalizzazione dei rendimenti obbligazionari con il graduale ritorno alla normalità dell’attività economica. Non modifichiamo gli obiettivi di fine anno che abbiamo mantenuto negli ultimi mesi, vale a dire lo 0% sui titoli tedeschi a 10 anni e tra l’1,75% e il 2,00% sui titoli americani a 10 anni.

I mercati sono stati finora molto resistenti a diversi rischi, tra cui l’inflazione dei prezzi dell’energia e le sue ripercussioni sulle catene di produzione, le interruzioni prolungate delle catene di approvvigionamento e un rallentamento macroeconomico. Ma questi rischi si stanno trascinando, e crediamo che sia troppo presto, su un orizzonte di fine anno, per tornare a un posizionamento di risk on. Restiamo fedeli alle nostre allocazioni strategiche e approfitteremo di qualsiasi calo per recuperare un po’ di rischio e posizionarci per il 2022, che probabilmente sarà spinto in avanti dai piani di stimolo in diverse parti del mondo.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Borse internazionali: il punto tecnico di Aldrovandi

Mercati alle prese con il dilemma tra buy the dips e sell the rips

Mercati: il punto tecnico di Eugenio Sartorelli

NEWSLETTER
Iscriviti
X