Asset allocation: oro più brillante con i tassi reali negativi

A
A
A
di Redazione 19 Novembre 2021 | 14:01

I metalli preziosi sono stati il settore delle materie prime più forte il mese scorso e con un rialzo del 4% e contributi positivi da parte di tutto il paniere. In questo scenario, ecco di seguito la view e l’outlook di Nitesh Shah, head of Commodities & Macroeconomic Research di WisdomTree.

L’oro è salito del 3,2% nel periodo in esame. Le sorti del metallo prezioso sembrano essersi risollevate in ottobre, e novembre è iniziato su una nota positiva. Se si deve immaginare lo scenario ideale per l’oro, potrebbe essere una situazione in cui l’inflazione rimane alta, ma non abbastanza da indurre le banche centrali a rinunciare alla narrativa sulla “natura transitoria” dell’inflazione, iniziando a inasprire le loro politiche in modo significativo.

In un tale scenario, sia i rendimenti del Tesoro che il dollaro statunitense rimarrebbero sotto controllo, mentre più investitori si rivolgerebbero verso attività che offrono protezione dall’inflazione. Tra queste attività ci sarebbero le materie prime, l’oro e i Treasuries legati all’inflazione.

Ma con tassi reali negativi, l’oro potrebbe brillare di più per gli investitori. È possibile che i primi segni di un tale scenario siano iniziati ad emergere da ottobre, soprattutto perché la Federal Reserve non ha ancora adottato un tono da falco in termini di aumento dei tassi di interesse. Questo potrebbe cambiare, tuttavia, dato che l’ultima stima dell’inflazione statunitense del 6,2% è la più alta del paese dal 1990. Ma se così non fosse, questo potrebbe essere il momento per l’oro di brillare.

La risposta del resto del complesso dei metalli preziosi è stata esattamente come previsto. Più il metallo è “prezioso”, maggiore è la correlazione con l’oro e più immediata è la reazione del prezzo all’oro.

I guadagni dell’argento e del platino hanno coinciso con l’oro da ottobre, anche se il movimento dei prezzi, nel nostro periodo di riferimento, è stato ancora più pronunciato per i due rispetto all’oro. Ciò rispecchia la proprietà dell’argento e del platino che consente di ottenere un gioco di leva sull’oro. L’argento è salito del 7% mentre il platino è salito del 7,9% nel periodo di riferimento.

Ma i destini del platino, e del suo parente stretto, il palladio, sono inestricabilmente legati all’industria automobilistica. Settembre ha visto il primo aumento, anche se molto modesto, nelle vendite mensili di nuove autovetture in tutto il mondo (fonte: Bloomberg). L’industria automobilistica, che utilizza platino e palladio come autocatalizzatori per ridurre le emissioni dei veicoli, continua ad affrontare sfide nell’approvvigionamento dei semiconduttori. Con il sentiment (e il prezzo) colpito piuttosto duramente dal secondo trimestre di quest’anno, la minima tregua può apparire significativa. Nel frattempo, tuttavia, l’oro continua a trascinare l’intero settore.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: ecco come posizionarsi sulle azioni tematiche

Asset allocation: come allocare il portafoglio tra fine del 2021 e inizio 2022

Asset allocation: healtcare sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X