Mercati: corsa all’oro anche nello spazio

A
A
A
di Redazione 29 Novembre 2021 | 13:31

Forse è ancora tutto ipotetico, ma la Nasa ci crede e molto probabilmente a breve partirà la “corsa all’oro nello spazio”, come fanno notare da Confinvest.

Corsa all’oro nello spazio

Oltre alla certezza di trovare oro in quantità rilevante su Marte, gli scienziati si stanno impegnando a valutare un asteroide gigantesco di circa 210 Km di diametro, denominato Psyche 16. Questo asterioide è stato scoperto, nel lontano 1852, dall’astronomo italiano Annibale De Gasparis, dell’osservatorio  di Capodimonte a Napoli. Ente Nazionale di Astrofisica, sorto nel 1812 e facente parte  di INAF osservatorio di astronomica e astrofisica. A Capodimonte si studiano il Sole ed il sistema solare con grandi telescopi dislocati nel deserto di Acatama in Cile.

Ritornando all’asteroide agli studi e progetti Psyche 16, sarà molto interessante valutarne la composizione e la provenienza. Psyche 16 risulterà essere una finestra sul passato del sistema solare, quando i pianeti risultavano ancora  essere giovani e le collisioni tra di loro erano molto frequenti.

Collisioni risalenti alla formazione del sistema solare, presumibilmente, da quattro a cinque miliardi di anni fa. Oltre all’interesse scientifico, questo asteroide viene valutato dalla Nasa in quadrilioni di dollari, il valore del suo contenuto: oltre all’oro, ferro, nikhel e molti metalli, necessari per lo sviluppo delle nuove tecnologie.

Dati sulle sue proprietà superficiali, sono stati recentemente pubblicati sulla rivista “Planetary Science Journal”, specializzata in astrofisica.

La Nasa sta valutando e programmando proprio una navicella spaziale “ricercatrice d’oro”, che potrà raggiungere l’asteroide ed entrare nella sua orbita, entro quattro anni dal lancio. Si parla di completare il programma entro il 2026, con un passaggio da Marte nel 2023.

Naturalmente, per ora, il tutto è definibile ancora ipotetico, ma l’interesse e la programmazione della Nasa, lo rendono affascinante. Attualmente la “corsa spaziale all’oro” è già in corso e risulta che Cina, Stati Uniti, Giappone ed altri, mostrano molto interesse ad espandersi nel campo delle estrazioni di metalli preziosi, proprio dagli asteroidi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X