Investimenti, tapering e tassi: appuntamento con la Fed il 14 dicembre

A
A
A
di Redazione 2 Dicembre 2021 | 10:02

E’ bastata mezz’ora perché l’inflazione diventasse meno transitoria del previsto e i rischi diventassero ufficialmente reali (devo dire che qualche sospetto l’avevamo anche prima). Il punto è capire perché è cambiata la strategia comunicativa e quali implicazioni ci sono dietro questa affermazione.

Per bocca di Powell, il primo effetto è che il tapering potrebbe accelerare, ma a ruota (aggiungiamo noi) a questo punto pure i tassi potrebbero aumentare prima del previsto.

Di questo e di altro alla FED ne parleranno al prossimo meeting previsto per il 14-15 dicembre. Secondo Powell, le ragioni sono riconducibili alle strozzature dell’offerta e ai prezzi dell’energia elevati cui si sommano i possibili effetti della variante omicron che minaccia di compromettere la ripresa economica e complicare i piani per contenere l’aumento dei prezzi. In altre parole, Powell non ha fatto altro che prendere atto quello che il mercato si aspettava da tempo, anche se ha tenuto a puntualizzare come il termine transitorio fosse riferito agli effetti permanenti dell’inflazione e non alla durata del tapering (ovviamente maggiore è il tempo e maggiori sono gli effetti).

Non siamo però sicuri che la soluzione sia quella accorciare i tempi del tapering e magari alzare i tassi prima del 2023. Tra l’altro laddove si riconosca che nel 2022 l’inflazione possa calare per il venir meno degli squilibri tra domanda e offerta. La paura è quindi diversa e riguarda i salari che, come i beni, sono governati da domanda e offerta, in questo caso di lavoro. Ma, diversamente dal prezzo di un bene, una ripresa della partecipazione al mercato del lavoro richiede tempi lunghi e inoltre difficilmente i salari una volta cresciuti possono ridursi. Attualmente (breve periodo) i salari sono sotto pressione a causa di una scarsa offerta a fronte di una domanda impetuosa derivante dalla ripresa economica. Una soluzione per ridurre l’inflazione indotta dalla maggiore disponibilità salariale è quella di ridurre il loro potere d’acquisto, ovvero lasciare crescere i prezzi (da valutare l’effetto dell’illusione monetaria).

Difficile però governare il sistema monetario avendo contemporaneamente come obiettivo la crescita economica, il controllo dei prezzi e l’occupazione. Da qui la domanda è: quale sarà la scelta della FED tra tenere i tassi reali negativi (ben sapendo che sono sempre meno sostenibili) e favorire la crescita e quindi l’occupazione ma accettare un’inflazione maggiore, oppure portare i tassi reali in territorio positivo smorzando gli effetti inflazionistici, ma sacrificare la crescita e l’occupazione.

Esisterebbe anche un altro sistema per aiutare a tenere sotto controllo la crescita dei prezzi, anche se gli effetti sono visibili nel medio periodo: ridurre la velocità di circolazione, che poi è quello che è successo negli ultimi anni.

I tassi reali negativi hanno portato a uno sganciamento dei prezzi da quelli che si definiscono i fondamentali degli assets. Siccome gli investitori guardano avanti, si interrogano per capire quale sarà la mossa della FED. Nell’ipotesi di graduale (molto graduale) ritorno ai valori positivi pre-pandemia, ovvero inferiori all’1% ma positivi, i mercati azionari dovrebbero beneficiarne, con minore vigore rispetto all’ultimo anno e con maggiore volatilità. Viceversa, l’ipotesi di un veloce avvicinamento allo zero innalzerebbe il rischio intrinseco del mercato che, a parità di tutte le altre condizioni, non troverebbe altra via che ridurre i prezzi per adeguare il rendimento al maggior rischio richiesto.

A cura di Antonio Tognoli, Head of Research di Integrae Sim

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, banche centrali: atteggiamenti diversi ma problemi comuni

Asset allocation: Treasury Usa sotto pressione dopo la Fed

Mercati: la Fed diventa “falco”

NEWSLETTER
Iscriviti
X