Asset allocation, bond: l’outlook di Vontobel AM

A
A
A
di Redazione 3 Dicembre 2021 | 14:02

“Rimaniamo a bordo del “carro” dell’inflazione transitoria mentre terminiamo il 2021 e ci dirigiamo verso il nuovo anno. Questo tema è fondamentale e rappresenta la base per la nostra previsione di sostegno alle obbligazioni societarie dei mercati sviluppati“. Ad affermarlo è Mondher Bettaieb-Loriot, Head of Corporate Bonds di Vontobel AM, che di seguito illustra nel dettaglio l’outlook per i prossimi mesi.

Crediamo che le attuali pressioni che circondano le aspettative di inflazione dovrebbero ridursi con la transizione verso la fine dell’anno e l’inizio del 2022. Questo ritracciamento porterà probabilmente le banche centrali più importanti, ovvero la Federal Reserve degli Stati Uniti, la Banca centrale europea e, in una certa misura, la Banca del Giappone, a continuare a essere pazienti quando si tratterà di alzare i tassi, poiché continuano a credere che la natura del picco di inflazione sia temporanea.

Abbiamo trovato affascinante che Jerome Powell,Presidente della Federal Reserve, abbia definito per noi ciò che la Fed intendeva per “inflazione transitoria” nella sua ultima conferenza stampa della FOMC. Transitoria, secondo il presidente, NON significa a breve termine. Piuttosto, sono più interessati a come il picco transitorio influenzi il regime d’inflazione a lungo termine che è stato in vigore per tanti anni (vedi grafico tre) piuttosto che a quanto dura il picco. Inoltre, il presidente Powell ha affermato in numerose occasioni che “rispondere prematuramente può fare più male che bene, soprattutto in un’epoca in cui i tassi di politica sono molto più vicini ai limiti inferiori effettivi e poiché i principali effetti di politica dal lift-off in risposta a fattori che si rivelano essere temporanei arriverebbero dopo che la necessità è passata”. Per noi, questo ha significato rimanere sul carro del transitorio. Considerate quanto segue:

L’inflazione in Asia dovrebbe diminuire

Sì, l’inflazione è molto presente nelle menti degli investitori, tuttavia, l’inflazione principale in Asia è meno spaventosa e si sta ritirando e questo aiuterà le prospettive dell’inflazione principale nei mercati sviluppati nel prossimo futuro. In effetti, c’è un rallentamento commerciale in arrivo in Asia, e questo aiuterà a domare l’inflazione lì e nelle economie sviluppate per quella materia. La crescita delle esportazioni in Asia era estremamente robusta quando le economie sviluppate erano ancora bloccate o stavano lentamente emergendo dal lockdown. Tuttavia, con la riapertura delle economie e delle attività produttive sia negli Stati Uniti che in Europa, gli ordini asiatici hanno iniziato a diminuire e la dipendenza dai fornitori dell’Est dovrebbe diminuire ulteriormente. C’è anche uno spostamento della domanda di nuovo verso i servizi e questo contribuirà anche a ridurre la domanda di articoli che erano necessari durante la pandemia – una ricerca HSBC fa notare che una seconda TV o un computer portatile non sono più necessari, per esempio. Tutto questo dovrebbe far sì che i nuovi ordini di esportazione piazzati in Asia continuino a diminuire, e dovrebbero contribuire a un rallentamento del commercio in Asia, così che i colli di bottiglia alla fine si libereranno nei prossimi trimestri e molto probabilmente verso il secondo trimestre del 2022, se non prima. E con questo, le pressioni sui prezzi delle esportazioni dovrebbero iniziare a diminuire, influenzando positivamente l’inflazione e le aspettative di inflazione sia negli Stati Uniti che in Europa: Goldman Sachs prevede che l’inflazione di base negli Stati Uniti sia su una traiettoria in forte calo, raggiungendo circa il 2% entro dicembre 2022, per esempio.

Inoltre, dopo l’inizio del 2022 e con il rallentamento dell’Asia, dovremmo anche assistere a un ritorno a una narrazione di rallentamento della crescita più tradizionale nei mercati sviluppati, poiché le economie si dovrebbero essersi riaperte e i risparmi repressi e il ciclo delle scorte dovrebbero essersi ampiamente esauriti, portando la crescita a normalizzarsi ai livelli più normali pre-Covid di circa 1,75% entro la fine del 2022. Questo dovrebbe anche coincidere con la massima occupazione negli Stati Uniti secondo il presidente Powell, che ha detto a Jackson Hole che il “quadro FAIT della Fed è ben adatto all’ambiente attuale ed è adatto a continuare a mantenere la gamma di obiettivi per il tasso dei fondi Fed al suo livello attuale fino a quando l’economia non raggiunge condizioni coerenti con la massima occupazione, e fino a quando l’inflazione ha raggiunto il 2% ed è sulla buona strada per superare moderatamente il 2% per qualche tempo”.

Come detto sopra, questo dovrebbe diventare evidente verso la fine del 2022, quando l’inflazione dovrebbe essersi ritirata bruscamente, e crediamo ancora che la Fed non si precipiterebbe ad un rialzo fino alla seconda parte del 2023 per garantire che l’inflazione al 2% più sia sostenuta per qualche tempo come hanno definito (è interessante ricordare che il loro quadro FAIT supporta sia ambienti di inflazione overshooting che undershooting in tempi irregolari).

L’Europa fa “whatever it takes”, mentre gli Stati Uniti fanno il taper-lite

Per quanto riguarda il tapering della Fed, consideriamo il taper come un “taper lite” in quanto i reinvestimenti dovrebbero rimanere molto alti per un tempo molto lungo, dato che il bilancio della Fed è più che raddoppiato dall’inizio della pandemia di Covid-19 per raggiungere attualmente più di 8 trilioni di dollari. Ci aspettiamo anche che il deficit di bilancio degli Stati Uniti scenda un po’ nel 2022, riducendo notevolmente il fabbisogno di prestiti dei Treasury americani. Comprendiamo che la nuova spesa del piano infrastrutturale bipartisan di circa 550 miliardi di dollari sarà pagata in parte dai fondi di soccorso Covid non spesi, dai partenariati pubblico-privato e dai fondi rotativi per le infrastrutture, e almeno distribuita su un periodo di cinque anni. Wells Fargo indica che già a partire da questo mese, l’emissione di Treasury dovrebbe diminuire di ben 5-6 miliardi di dollari al mese in media per durare almeno fino alla fine del 2022, rendendo l’annuncio del taper dei Treasury USA di questo mese abbastanza leggero.

Per quanto riguarda la politica monetaria europea, l’imminente annuncio del Consiglio direttivo di dicembre di porre fine al programma di acquisto di emergenza pandemico (o PEPP) sarà probabilmente fissato per il prossimo marzo, tuttavia è probabile che la BCE annunci di voler inserire il vecchio PEPP in un nuovo programma di acquisto di asset (APP), molto probabilmente denominato APP versione 2. Questo nuovo programma sarà probabilmente flessibile e migliorato, per includere acquisti aziendali, e ampliato oltre la potenza di fuoco combinata e rimanente sia dell’attuale APP che del PEPP (in totale, la loro potenza di fuoco rimanente inutilizzata è attualmente nell’ordine di 500 miliardi di euro). Questo dovrebbe aiutare la BCE a fare tutto il necessario per assicurare che gli spread periferici rimangano in range bound, dato che hanno sempre preferito comprare i periferici in periodi di stress. Il nuovo programma insieme all’imminente pensionamento di Jens Weidmann dovrebbe rappresentare un segnale dovish per i nostri mercati obbligazionari dell’area europea, con l’opportunità per la BCE di far crescere anche un portafoglio di obbligazioni societarie più green. Tale flessibilità sosterrebbe ulteriori acquisti corporate oltre ai 20 miliardi di euro di reinvestimenti corporate che avranno luogo l’anno prossimo.

Carry stabile disponibile per il 2022

In assenza di un grave rallentamento globale e di un persistente superamento dell’inflazione (oltre a quanto discusso sopra), prevediamo un ambiente favorevole per le obbligazioni societarie dei mercati sviluppati per realizzare un carry stabile nel 2022 – con una volatilità moderata degli spread e rendimenti totali positivi – dato che continuiamo a vivere nell’enigma del “lower for loger” (e la persistenza di rendimenti reali negativi supporta anche questa tendenza a lungo termine).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, i bond tornano a essere una valida opportunità

Mercati, da Intesa Sanpaolo due nuove obbligazioni in dollari

Asset allocation: come preparare il portafoglio obbligazionario alla recessione

NEWSLETTER
Iscriviti
X