Mercati: Monnalisa prosegue nello sviluppo sostenibile. L’analisi

A
A
A
di Redazione 3 Dicembre 2021 | 14:29

Monnalisa, marchio di childrenswear di alta gamma, chiude il primo semestre 2021 in forte recupero. Le vendite sono aumentate del 34% a 20,3 milioni (+37% a cambi costanti) e la perdita si è ridotta del 78,8% a 1,4 milioni. Monnalisa guarda con fiducia al futuro e conferma la strategia volta al miglioramento del posizionamento delle proprie collezioni e al potenziamento del brand in particolare attraverso i canali online. Particolare attenzione sarà inoltre rivolta alle tematiche ESG, come testimoniato dalla pubblicazione del Bilancio Integrato 2020, dalla presentazione del Piano di Sostenibilità 2021-23, nonché dall’approvazione delle policy su sostenibilità integrata, diversità e inclusione e dall’ingresso nell’Index Future Respect 2021 di ConsumerLab. Ecco di seguito l’analisi fondamentale su Monnalisa elaborata dagli analisti di Market Insight.

        1. Modello di business
        2. Ultimi avvenimenti
        3. Conto economico
        4. Breakdown ricavi
        5. Stato patrimoniale
        6. Evoluzione prevedibile della gestione
        7. Outlook
        8. Borsa

Modello di business

Monnalisa, fondata ad Arezzo nel 1968 da Piero Iacomoni, attuale presidente del board, e quotata sul mercato Euronext Growth Milan dal luglio 2018, è attiva nel settore del childrenswear di fascia alta.

Distribuisce in oltre 60 Paesi, sia in flagship store diretti che nei più prestigiosi department store del mondo e in più di 500 punti vendita multibrand.

Alla elevata qualità e stile made in Italy, Monnalisa unisce investimenti in ricerca e sviluppo, grande attenzione ai temi della sostenibilità, conformità alla norma SA8000 e certificazione ambientale ISO 14001.

Ultimi avvenimenti

Nonostante il contesto ancora condizionato dalle incertezze della pandemia, Monnalisa anche nel 2021 ha portato avanti il proprio piano di sviluppo con l’apertura di uno store nel polo del lusso di Deji Plaza, nella città di Nanjing (Cina Meridionale), portando a 10 il numero di store diretti nel Paese asiatico.

Apertura quest’ultima che fa seguito agli 8 nuovi punti vendita diretti, inaugurati nel 2020, tra cui 3 concession presso Galeries Lafayette, 1 concession presso Rinascente Milano, 2 punti vendita presso Marina Bay Sands a Singapore e a Taipei (Taiwan), in location che attestano il posizionamento luxury del marchio Monnalisa, con un saldo netto di 47 punti vendita diretti.

Parallelamente la società conferma l’impegno a favore delle tematiche ESG con la pubblicazione del Bilancio Integrato 2020 e la presentazione del Piano di Sostenibilità 2021- 2023. Piano che risponde ad alcune delle sfide globali degli SDGs delle Nazioni Unite allineate agli undici temi materiali maggiormente rilevanti per Monnalisa e i suoi stakeholders. In tale direzione la società ha inoltre approvato la politica sulla sostenibilità, che incardina i valori e principi espressi nel Piano di Sostenibilità all’interno della strategia e della governance, e quella su diversità e inclusione, riconoscendo in essa una ricchezza da valorizzare e promuovere.

Impegno riconosciuto anche dall’inserimento della società nell’Index Future Respect 2021 di ConsumerLab, per aver illustrato in maniera comprensibile ed esaustiva la propria governance sostenibile facilitando scelte consapevoli da parte dei consumatori.

Clicca qui per continuare a leggere l’analisi su Monnalista degli analisti di Market Insight.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, per Esi si prospetta un biennio positivo. L’analisi

Mercati: Circle determinata a cogliere le opportunità di crescita

Mercati, Websolute: positivo il 2021 e fiducia per il futuro. L’analisi

NEWSLETTER
Iscriviti
X