Mercati, Vix: la paura può giocare brutti scherzi

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 6 Dicembre 2021 | 09:32

La paura degli investitori è in aumento. Come lo sappiamo? Il Vix, paniere legato alle opzioni call e put strutturate sull’S&P 500 chiamato anche “indice della paura”, è in aumento.

Cosa lascia quindi presagire questo alto livello di paura per il mercato azionario? Il grafico in pagina, elaborato dagli analisti di Chart of The Day, aiuta a rispondere a questa domanda mostrando sette intervalli di livelli per il Vix rispetto alla performance media dell’S&P 500 a 12 mesi.

Conclusione: il mercato azionario ha, mediamente, registrato risultati migliori (nel periodo di un anno) a seguito di una lettura Vix relativamente alta. Attualmente, Vix oscilla oltre quota 30, un livello spesso seguito da performance del mercato azionario superiori alla media. Attenzione però: il Vix può andare significativamente e repentinamente molto più alto di quota 30.

Alla luce di questa statistica perciò, anche un Vix elevato in ottica di medio termine, è meglio non farsi prendere dalla paura e restare investiti, oppure vendere e ricomprare in modo pronto e adeguato.


Dal 1990 a oggi il Vix è stato inferiore a quota 20 (che indica una paura molto contenuta degli investitori) circa il 62% delle volte rispetto ai peridi di osservazione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati alle prese con il dilemma tra buy the dips e sell the rips

Mercati: il punto tecnico di Eugenio Sartorelli

Mercati: l’America First di Wall Street

NEWSLETTER
Iscriviti
X