Asset allocation: come posizionarsi nel 2022 secondo Natixis IM

A
A
A
di Redazione 21 Dicembre 2021 | 14:01

“Sebbene molti investitori continuino a temere il fiscal cliff, gli effetti degli stimoli fiscali continueranno a farsi sentire nel 2022, con il motore della crescita che si sposta dal settore pubblico a quello privato”. Ad affermarlo sono Jack Janasiewicz e Garrett Melson di Natixis IM Solutions, che di seguito spiegano nel dettaglio la view.

I bilanci dei consumatori non sono mai stati così forti, con oltre 2.700 miliardi di dollari di risparmi in eccesso accumulati durante la crisi e un ampio spazio per ulteriore indebitamento. Anche le società dispongono di molta liquidità e cercano opportunità per impiegare il capitale, manifestando l’intenzione di aumentare le spese in conto capitale, cosa tra l’altro che molte hanno già fatto.

Gran parte di questo denaro passa per gli investimenti o per tramite espansioni multiple, come risparmi e buyback. Una situazione vincente per tutti. Le interruzioni nelle catene di approvvigionamento, molto criticate, hanno pesato sulle scorte, che dovranno quindi essere ricostruite fornendo un ulteriore spinta alla crescita. E un mercato immobiliare solido, che probabilmente rimarrà forte per tutto il 2022, supportato dall’ondata demografica dei millennial, sarà un ulteriore catalizzatore di crescita. Combinando tutte queste forze non è difficile immaginare un altro anno positivo per l’economia, sostenendo un’ulteriore crescita degli utili ed espansione multipla. Si sente continuamente dire che le valutazioni sono tirate, ma in un simile contesto le azioni sembrano interessanti, in particolare se paragonate alle valutazioni del reddito fisso e ai tassi reali profondamente negativi.

Come dovremmo quindi posizionarci nel 2022?

Più o meno quello che già stiamo facendo: sovrappeso sulle azioni, favorendo gli Stati Uniti rispetto ad altri mercati, con un equilibrio tra settori tecnologici e ciclici. Dopo quello che è sembrato un consolidamento senza fine per gran parte del 2021, le small cap dovrebbero probabilmente beneficiare di un rally tra la fine dell’anno e l’inizio del 2022, anche se qualsiasi allocazione dovrebbe essere vista nel breve termine. Il settore tecnologico continuerà a essere supportato dai consumi, mentre i componenti ciclici, come i semiconduttori, beneficeranno del ciclo di investimenti emergente. I ciclici più ampiamente considerati, compresi industriali, materiali, finanziari ed energia, continueranno a riservare sorprese al rialzo grazie al buon andamento della crescita nominale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: come posizionarsi in vista del secondo semestre

Asset allocation: cinque titoli bancari su cui puntare

Asset allocation, i bond tornano a essere una valida opportunità

NEWSLETTER
Iscriviti
X