Mercati, crolla l’export del Regno Unito verso l’Europa

A
A
A
di Redazione 30 Dicembre 2021 | 13:01

Dopo il “divorzio” da Bruxelles l’export del Regno Unito verso l’Europa è diminuito negli ultimi 12 mesi di quasi il 16%, pari a circa 14,5 mld di euro. In parte, certamente, a causa dell’emergenza pandemica, ma anche per via dell’impatto della Brexit (diventata effettiva il 1° gennaio di quest’anno) che ha complicato la circolazione delle merci attraverso la Manica, facendo aumentare notevolmente i costi di spedizione.

Le piccole e medie aziende nel Regno Unito rappresentano il 99% del tessuto imprenditoriale britannico, e da sole generano il 52% dell’intero fatturato nazionale. La struttura portante dell’intero sistema produttivo nazionale, ora in grave sofferenza per il divorzio da Bruxelles.

L’entrata in vigore – lo scorso primo gennaio – del nuovo accordo commerciale con l’Unione Europea ha causato – al di là dell’impatto pandemico – nuovi e inattesi ostacoli per chi esporta nel Continente. “Nel 2020 potevamo spedire singoli pacchi o bancali in un giorno o due. Dopo la Brexit i pacchi impiegano fino a cinque giorni, i carichi più grandi anche due mesi, con i TIR bloccati alla dogana per giorni e settimane”, ha spiegato Andrew Moss, di Horizons RMS, alla Rsi.

Nonostante l’accordo di libero scambio tra le parti, l’introduzione di controlli alla frontiera, e l’obbligo di un’esaustiva certificazione, hanno soffocato la circolazione delle merci. Costringendo, per esempio, Dea Baker – fondatrice di un’etichetta di moda – a rivedere al rialzo i prezzi del suo catalogo. “Abbiamo dovuto aumentarli dal 10 fino al 25%, a seconda dei capi. Per ammortizzare i nuovi costi delle pratiche amministrative, dei trasporti, delle tasse sulle importazioni, dal momento che produciamo all’estero”, lamenta Dea Baker, come riportato dalla Rsi.

Negli ultimi 12 mesi piu’ di 6’000 piccole e medie aziende britanniche hanno aperto una propria filiale nella sola Olanda, attratte si’ da politiche fiscali estremamente vantaggiose, ma soprattutto dalla possibilità di continuare ad esportare in Europa, come prima della Brexit. Non avendo i capitali necessari per aprire una sussidiaria, Simon Spurrell ha continuato – finché è riuscito – a vendere da Manchester i suoi formaggi. “I costi di spedizione, però, sono cresciuti gradualmente ogni mese, fino a livelli insostenibili, richiedendo l’impiego di cinque persone, e quattro ore per l’amministrazione. Fino a quando non siamo più riusciti ad assorbire i costi”, dice Simon Spurrell della Cheshire Cheese Company, che ha rinunciato – suo malgrado – al mercato comunitario. “Rispetto al 2020 abbiamo perso il 20% del nostro fatturato, l’equivalente di circa 250mila sterline, costruito in due o tre anni di esportazioni in Europa”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Polizze, dopo la Brexit arriva il “Big Bang”

Intesa, il private britannico alle grandi manovre

Mercati, Forex: Sterlina in crisi e non solo per colpa della Brexit

NEWSLETTER
Iscriviti
X