Mercati, i 14 grafici che hanno definito il 2021

A
A
A
di Redazione 30 Dicembre 2021 | 14:02

YCharts ha ospitato Josh Brow, fondatore di The Compound YouTube Channel e ad di Ritholtz Wealth Management, per discutere dei grafici che hanno definito il 2021. Armati di prospettive e grafici dei migliori consulenti, Avalon Investment Research ha analizzato i 14 principali temi di investimento che hanno plasmato l’anno che sta per terminare e cosa essi significano per l’anno a venire.

1. Tassi di interesse

“Dopo essersi adeguati all’inflazione, gli investitori obbligazionari statunitensi non sono quasi mai stati ricompensati meno di quanto non lo siano oggi”, afferma Charlie Bilello, fondatore e ad di Compound Capital Advisors . Il tasso di interesse “reale” del Tesoro decennale , calcolato come il suo tasso nominale meno l’ indice dei prezzi al consumo , si attesta al minimo storico del -4,7%.
Secondo Josh, le obbligazioni servono a due scopi: reddito e stabilità del portafoglio. Sebbene riconosca che le obbligazioni hanno fatto il loro lavoro nel compensare la volatilità negli ultimi due anni, questo è il loro unico scopo in questo momento. Josh consiglia di risparmiare più denaro in risposta a questo ambiente ad alta valutazione e basso rendimento.


2. Tendenze abitative con Blair duQuesnay

Una tendenza che Blair duQuesnay, anche lui di Ritholtz Wealth Management, non vede invertire a breve: la domanda supera l’offerta nel mercato immobiliare. “L’offerta di alloggi è rimasta indietro rispetto alla crescita della formazione delle famiglie dalla fine della crisi finanziaria del 2008-2009, e ora quella carenza di offerta sta affrontando uno tsunami demografico”, afferma.
Con i tassi ipotecari ai minimi storici, un’impennata della domanda di case , i vincoli della catena di approvvigionamento e i redditi che crescono non solo al vertice ma su tutta la linea, ha creato una sorta di tempesta perfetta affinché i prezzi delle case aumentino e rimangano elevati.


3. Persone in cerca di lavoro contro offerte di lavoro

Caleb Silver, Editor-in-Chief di Investopedia, ha creato il seguente grafico per illustrare ciò che è stato nella mente di tutti ultimamente: la “Grande Dimissioni”. Egli osserva che sia il tasso di dimissioni degli Stati Uniti che il turnover nel mercato del lavoro hanno raggiunto livelli record in mezzo a un numero record di aperture di lavoro.


4. Dati COVID

Siamo stati tutti colpiti dalla pandemia di COVID-19 in un modo o nell’altro. Anche se il tasso di vaccinazione completa degli Stati Uniti si avvicina al 60% della popolazione, o 200 milioni di persone, anche il numero totale di decessi per COVID negli Stati Uniti continua a salire. Samantha Russell, Chief Evangelist di FMG Suite e TwentyOverTen non può sopravvalutare “l’eccedenza del Covid su catene di approvvigionamento, economie, salute pubblica, norme sociali, discorso pubblico e mercati dei capitali nel 2021”.


Nonostante il tunnel oscuro che è seguito dall’inizio del 2020, Josh vede la luce avvicinarsi. A suo avviso, la pandemia sta iniziando a dissolversi in modo permanente in “endemie” più piccole che dovrebbero presto portare stabilità alle principali preoccupazioni economiche di oggi come l’inflazione e la catena di approvvigionamento.

5. Un ritorno alla normalità

Quando la pandemia ha colpito per la prima volta, ci sono state reazioni istintive in tutti i mercati. Una risposta notevole che Michael Batnic , direttore della ricerca presso Ritholtz Wealth Management e creatore di The Irrelevant Investor, ha sottolineato è stata la rapidità con cui le capitalizzazioni di mercato delle azioni “stay-at-home” hanno eclissato le large cap consolidate. Un esempio sbalorditivo riguarda Zoom Communications (ZM) che ha superato Exxon Mobil (XOM) alla fine del 2020. Il mercato apparentemente valutava gli asset come se il cambiamento di ambiente fosse permanente, ma il 2021 ha segnato il ritorno alla normalità per molti di questi nomi.

6. Il settore energetico

Sia Josh che l’analista finanziario indipendente Lyn Alden concordano sul fatto che i mercati delle materie prime tendono a muoversi in ampi cicli pluriennali di domanda e offerta. Josh, tuttavia, ritiene che il petrolio sia in declino secolare, citando il passaggio alle auto elettriche tra i produttori di veicoli come uno dei principali fattori trainanti. Ritiene inoltre che il settore energetico passerà nel prossimo decennio per includere una più ampia varietà di aziende oltre al petrolio, come quelle nei settori dell’energia solare, delle trasmissioni e delle batterie.


7. Value contro growth

L’”incontro di wrestling” tra growth e value continuerà nel 2022, secondo Jeff Kilburg, Chief Investment Officer presso Sanctuary Wealth. Come illustrato di seguito utilizzando il nuovo strumento grafico a dispersione di YCharts, Kilburg afferma che la sovraperformance del growth sul value nel 2021 “sembra essere in gran parte attribuita ad alcuni valori anomali di titoli di crescita che scambiano anche a un multiplo PE più elevato”.


Ma cosa definisce un titolo “growth” in questi giorni? E cosa sono le azioni “value”? L’opinione di Josh è che oggi il termine “value” non è definito come le azioni a buon mercato in ogni settore, ma piuttosto dai settori stessi. In questo caso, qualsiasi azione non nei settori “growth” di Tecnologia, Sanità, Beni di consumo discrezionali e Servizi di comunicazione viene impostata su “value”. Il Chief Product Officer di YCharts Caleb Eplett osserva che la definizione può variare anche in base all’investitore o all’istituzione e ha evidenziato come Walt Disney (DIS) sia una società growth secondo Vanguard ma trattata da iShares come una holding value.

8. Azioni tecnologiche a mega-cap

Beth Kindig, analista capo del Fondo I/O incentrato sulla tecnologia, osserva che nel 2021 ci sono stati molti titoli tecnologici vincenti. Vede “Ad-tech, Cloud e AI [come] le tendenze che guideranno la storia della crescita tecnologica”. Funziona particolarmente bene per Microsoft (MSFT), Apple (AAPL), Meta Platforms (FB), Alphabet (GOOG , GOOGL), Netflix (NFLX) e Amazon (AMZN).


La capitalizzazione di mercato combinata di queste sei società ammonta a un enorme $ 10T , che è poco meno della metà del PIL degli Stati Uniti . Se ti stai chiedendo se acquistare uno di questi titoli come posizioni indipendenti, Caleb e Josh sottolineano entrambi che se possiedi fondi indicizzati, fondi con data obiettivo, è probabile che questi veicoli ti stiano già dando un sacco di mega-cap di esposizione.

9. IPO

Un altro membro della famiglia Ritholtz, Ben Carlson, ha dato la sua opinione su uno dei temi di investimento più scottanti di questo decennio: le IPO. Il fondatore di A Wealth Of Common Sense e co-conduttore del podcast Animal Spirits osserva che molte delle IPO del 2020 e del 2021 “non sono venute fuori dal cancello, ma sono lentamente aumentate da quando sono diventate pubbliche”.
Gli investitori IPO dovranno quasi sicuramente affrontare una maggiore volatilità nel breve e nel lungo termine. O come dice Josh in modo più schietto: “i più grandi vincitori di tutti i tempi mettono periodicamente all’inferno i loro azionisti”. Va notato che, a partire dal 9 dicembre 2021, i rendimenti da inizio anno di Doordash sono stati ridotti dal 60% a meno del 15%, mentre Unity Software è diventato negativo per l’anno.

10. Investitori alla ricerca della performance

Il fenomeno del “buy the dip” sta prendendo il sopravvento? Dave Nadig, chief investment officer e direttore della ricerca di ETF Trends, non riesce a pensare a un esempio migliore che confuti che siamo tutti pecore che “inseguono le azioni calde” di KraneShares China Internet ETF (KWEB). Da dicembre dello scorso anno, il valore di KWEB è diminuito del 33% mentre l’AUM è cresciuto di 2,5 volte.
Sebbene potenzialmente questo è un valore anomalo dal punto di vista di Josh, Nadig afferma ancora come “gli ETF possono servire così tanti pubblici, per così tante ragioni diverse”.


11. Il Metaverso

“Pensavi che “The Metaverse stesse semplicemente giocando ai videogiochi su un visore Oculus nel tuo salotto? Ripensaci”, afferma Rita Cheng , ad di Blue Ocean Global Wealth. A suo avviso, “il Metaverso si riferisce a vaste comunità virtuali interconnesse in cui possiamo connetterci e collaborare per lavoro e gioco”, utilizzando occhiali per realtà aumentata e applicazioni per smartphone oltre a visori VR. Come lo erano le azioni Metaverse nel 2021, Josh è rialzista nello spazio e prevede che il 2022 sarà l’anno in cui le aziende di realtà virtuale abbineranno l’entusiasmo dei consumatori con il nuovo hardware.


12. Criptovalute

Nessun riassunto del 2021 sarebbe completo senza toccare la criptovaluta. E quale persona migliore per condividere il futuro delle criptovalute se non il co-fondatore e ad di OnRamp Invest Tyrone Ross, che a giugno ha dichiarato a YCharts di essere particolarmente ottimista su Ethereum . Vede l’ETH “fornire l’infrastruttura per costruire il futuro dei mercati dei capitali globali” e “interrompere la gestione patrimoniale come sappiamo come l’AUA [di criptovalute] esploderà nei prossimi 5 anni”.
Josh può confermarlo dopo aver avuto centinaia di conversazioni con manager istituzionali. Sebbene la regolamentazione del Congresso sia prevista nel 2022, le principali “corazzate” come JPMorgan (JPM) e Bank of America (BAC) si sono rivolte alle criptovalute nel 2021 e “la diga si è rotta”, afferma.


13. Auto elettriche

CFP e fondatrice del programma di investimento She Talks Finance, Nikki Dunn sta collaborando con aziende di veicoli elettrici in fase iniziale che stanno “guadagnando enormi capitalizzazioni di mercato che rivaleggiano (o stanno per rivaleggiare) con i più grandi produttori di veicoli”.
In particolare nel grafico seguente manca Tesla (TSLA). Sebbene riconosca la massiccia corsa di Tesla nel 2021, Dunn afferma che la società ha “preparato il terreno per l’assunzione di rischi nelle azioni di veicoli elettrici e non sembra ancora rallentare”.


14. Investitori retail e azioni meme

Per mettere un arco sul 2021, Ramp Capital ha dato una interpretazione probabilmente alla storia più interessante dell’anno: le scorte di meme. Secondo Ramp, la rivoluzione dei meme stock ha rivelato due cose: “le narrazioni guidano tutto” e “si è verificato un cambiamento nel modo in cui le persone, compresi gli hedge fund, analizzano le azioni”.
Le ancore dei centri commerciali trasformate in poster di meme stock bambini GameStop (GME) e AMC (AMC), sono ancora sopravvalutate in base alla maggior parte delle metriche di valutazione tradizionali. Ma il fatto che rimangano a questi livelli quasi un anno dopo segnala che c’è “una nuova generazione di investitori che prende le redini”, dice Josh. Caleb Eplett di YCharts scommette che molti hedge fund hanno aggiunto anche Reddit ai loro algoritmi.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Poste Italiane, crescita per utile e dividendi. Raccolta netta a 15,1 mld

Banche, Raiffeisen: 2021 proficuo e guidance positiva per il 2022

Eurizon: il patrimonio segna un nuovo record

NEWSLETTER
Iscriviti
X