Bitcoin, boom di sportelli automatici nel 2021

A
A
A
di Redazione 31 Dicembre 2021 | 10:31

Nel 2021 sono stati installati una media al livello globale di 50 nuovi sportelli automatici (ATM) dedicati al Bitcoin al giorno, come riportato da Cryptonomist.ch. Il totale dei nuovi sportelli è infatti di 33.850, un dato che riflette la crescente attenzione verso le criptovalute e la sua maggiore adozione che nel 2021 ha toccato i suoi massimi, anche grazie alla decisione del 7 settembre da parte di El Salvador di rendere il Bitcoin a corso legale nel Paese.

Nei soli primi sei mesi dell’anno la crescita di nuovi ATM nel mondo è  stata del 265%. Al primo posto di questa particolare classifica, secondo i dati della società specializzata Coin ATM Radar, ci sono gli Stati Uniti con quasi 30.000 macchine installate, seguiti dal Canada con 2.220, El Salvador con 205 e la Spagna con 197. L’Italia con 69 bancomat si trova in dodicesima posizione.

Secondo i dati di Coin ATM Radar, il 1 gennaio 2021 nel mondo erano state installate 14.040 macchine ATM, diventate il 28 dicembre 33.850.  Ma probabilmente il dato non tiene conto della totalità di bancomat presenti, che quindi sono conteggiati per difetto.

l numero di bancomat sarebbe cresciuto anche nel mese di dicembre quando le quotazioni del Bitcoin e di tutte le principali criptovalute hanno subito pesanti flessioni, dimostrando quindi probabilmente come le valute digitali vengano sempre considerate dagli investitori come un asset destinato a durare nel tempo.

Fattori legati alla crescita degli ATM

Sono diversi i fattori che hanno contribuito a questa crescita esponenziale degli ATM nel mondo.

Il primo è  quello legato alla maggiore adozione che si sta diffondendo nel mondo, che crea chiaramente la necessità di avere apparecchi per il prelievo e il cambio delle criptovalute.

Un secondo fattore che rende i bancomat per bitcoin molto interessanti è quello legato alla semplificazione rispetto ai wallet per il trasferimento di criptovalute. I pagamenti sono istantanei e gli utenti non devono creare un account, un portafoglio online o gestire lunghe chiavi pubbliche. I bancomat vengono considerati, anche per questo motivo, uno strumento più sicuro per gli utenti e forniscono maggiori garanzie che un trasferimento crittografico.

Il sempre maggiore interesse verso le criptovalute ha creato le condizioni per molte start up di dedicarsi al segmento degli ATM.

Non è un caso quindi che alcune delle principali società che si occupano di realizzare ed installare ATM per criptovalute, come come Robocoin con sede a Las Vegas, Bitcoiniacs con sede a Vancouver e LibertyX con sede a Boston, abbiano ricevuto milioni di dollari di finanziamento nell’ultimo anno.

D’altra parte secondo un report della società di consulenza Industry Arc, si prevede che il mercato per gli ATM Crypto raggiungerà 2,1 miliardi di dollari entro il 2026, crescendo a un CAGR del 50,4% dal 2021 al 2026.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Poste Italiane, crescita per utile e dividendi. Raccolta netta a 15,1 mld

Banche, Raiffeisen: 2021 proficuo e guidance positiva per il 2022

Eurizon: il patrimonio segna un nuovo record

NEWSLETTER
Iscriviti
X