Asset allocation: cinque ragioni per avere criptovalute in portafoglio

A
A
A
di Redazione 14 Gennaio 2022 | 13:32

Gennaio di solito è il mese in cui si effettuano i ribilanciamenti di portafoglio e si prendono decisioni di investimento che potranno avere ripercussioni (positive o negative) nel corso dell’anno.

“Ci sono almeno cinque buoni motivi per inserire nel portafoglio diversificato di un investitore una componente legata al fenomeno dei crypto assets“. Ad affermarlo è Daniele Bernardi, ad di Diaman Partners, che di seguito illustra nei nettaglio la view.

Le cinque principali ragioni sono le seguenti:

  1. Bitcoin e crypto assets rappresentano ormai una nuova categoria di investimento con delle proprie caratteristiche di unicità;
  2. La scarsità di questi asset offrono una naturale protezione contro la crescita dell’inflazione;
  3. I rendimenti attesi sono guidati dalla crescita della domanda;
  4. C’è una scarsa correlazione con le altre caratteristiche di investimento;
  5. Permettono di incrementare il rendimento mantenendo inalterato il rischio (se il peso è opportunamente dimensionato).

Nei prossimi giorni affronteremo uno per uno questi aspetti, approfondendo nel dettaglio queste motivazioni. Nel frattempo, se queste motivazioni vi hanno già convinto, senza dover aspettare gli approfondimenti, resta da affrontare il tema se investire su un ETP passivo che replica il Bitcoin oppure su un fondo a gestione attiva, quindi senza voler evidenziare i difetti dei primi, cerco di enfatizzare i vantaggi dei secondi:

Tre buone ragioni per preferire un fondo a gestione attiva

  1. Non c’è solo il Bitcoin, ma ci sono molti ottimi progetti con potenzialità di crescita superiore;
  2. Un fondo a gestione attiva può ridurre la volatilità e le perdite momentanee (drawdown);
  3. Chi sceglie un fondo a gestione attiva delega al gestore le scelte di ridurre il rischio, eliminando la componente emotiva che può portare ad errori comportamentali.

Anche in questo caso argomenterò con degli approfondimenti specifici questi tre buoni motivi, nel frattempo rimango a disposizione per chi desiderasse informazioni sul nostro fondo alternativo, di cui espongo con una infografica i principali dati statistici relativi al 2021.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Criptovalute, Usa: nessuna regolamentazione speciale. Per ora

Criptovalute: i 14 unicorni svizzeri

Etn, da VanEck un nuovo strumento per investire su sei criptovalute

NEWSLETTER
Iscriviti
X