Mercati: le dinamiche dell’inflazione Usa

A
A
A
di Redazione 14 Gennaio 2022 | 14:31

Mentre il ritmo di crescita generale dell’inflazione core negli Stati Uniti nel dicembre 2021 è rimasto sostenuto, i dati dell’indice dei prezzi al consumo hanno suggerito una certa stabilizzazione rispetto alla recente accelerazione. Questo rafforza la convinzione di Pimco che l’inflazione statunitense inizierà a moderarsi, probabilmente raggiungendo un picco a febbraio e poi tornando verso l’obiettivo della banca centrale per tutto il 2022″. Ad affermarlo è Tiffany Wilding, economista esperta di America Settentrionale di Pimco, che di seguito dettaglia la view.

L’insolita stagione degli acquisti durante le vacanze e la ripresa dei viaggi hanno portato a forti aumenti dei prezzi a dicembre, mentre l’inflazione dei prezzi dei beni rifugio sembra stabilizzarsi a un livello elevato. L’indice dei prezzi al consumo core è aumentato dello 0,55% mese su mese (m/m) a dicembre, portando l’indice in questione al 5,5% a/a – il ritmo più veloce dai primi anni ’90. Con l’inflazione ai massimi pluridecennali, i rischi di rialzo delle aspettative d’inflazione rimangono elevati. Insieme al recente calo della disoccupazione negli Stati Uniti, ciò è coerente con le previsioni di PIMCO per cui la Federal Reserve degli Stati Uniti inizierà ad aumentare i tassi a marzo 2022 e si muoverà verso un’ulteriore restrizione, consentendo una riduzione del bilancio nel corso di quest’anno.

Percorso di politica monetaria più rigoroso tra i rischi di rialzo

Il forte rapporto sull’indice dei prezzi al consumo, combinato con il calo del tasso di disoccupazione negli Stati Uniti a dicembre (al 3,9%), rafforza la nostra previsione che la Federal Reserve statunitense inizierà ad aumentare i tassi di interesse a marzo e a ridurre il proprio budget nel corso dell’anno. Mentre la nostra previsione di base vede l’inflazione moderarsi verso l’obiettivo della Fed fino al 2022, continuiamo a vedere rischi al rialzo a sostegno della decisione dei funzionari della Fed di una politica più stringente, più rapidamente di quanto previsto in precedenza. In primo luogo, continuiamo a vedere rischi al rialzo per le aspettative di inflazione, poiché più a lungo l’inflazione rimane elevata, maggiore è il rischio che i consumatori inizino a modificare il loro comportamento.

In secondo luogo, vediamo rischi dal recente aumento a livello globale dei casi di COVID-19 legati alla variante omicron. Mentre ci aspettiamo che la crescita del PIL reale degli Stati Uniti rallenti nel primo trimestre del 2022 a causa dell’epidemia del virus e della rottura dei negoziati sul piano fiscale Build Back Better, vediamo rischi che le interruzioni dell’offerta causino un ulteriore aumento delle prospettive di inflazione per il 2022. Un’altra interruzione della produzione in Cina e in altri fornitori chiave degli Stati Uniti arriverebbe in un momento in cui le scorte di beni al dettaglio degli Stati Uniti rimangono molto basse, aumentando il rischio di un impatto eccessivo proveniente da qualsiasi ulteriore chiusura.

I dati chiave dell’indice dei prezzi al consumo di dicembre: prezzi al dettaglio, viaggi, servizi, automobili

L’inflazione dei prezzi dei beni al dettaglio negli Stati Uniti è stata di nuovo molto forte a dicembre – i beni per la casa (1,3% m/m) e l’abbigliamento (1,7% m/m) hanno registrato aumenti particolarmente forti. In generale, i rivenditori statunitensi sono riusciti a navigare con successo in una stagione di shopping natalizio piuttosto impegnativa, avvertendo i clienti di fare acquisti in anticipo o di dover avere a che fare con gli scaffali vuoti. Ciò ha portato a sconti più bassi del solito, e anche se i consumi si sono moderati nell’ultima parte del trimestre, i rivenditori hanno contribuito a compensarli con meno sconti.

Inoltre, l’incremento della domanda per i viaggi nazionali durante le vacanze ha portato a un aumento dei prezzi. Le tariffe aeree statunitensi hanno continuato a recuperare rispetto alla debolezza del terzo trimestre (+2,7% m/m) per il secondo mese consecutivo, per quanto i prezzi dei biglietti aerei rimangano nel complesso ancora ben al di sotto dei livelli pre-COVID. Anche se alla fine ci aspettiamo ancora che le tariffe aeree si riprendano, la variante omicron è un vento contrario a breve termine. Molte aziende stanno ancora una volta ritardando i piani di rientro in ufficio, il che probabilmente peserà sui viaggi aziendali più costosi. I prezzi degli hotel (+1,3% m/m) hanno continuato a salire oltre i livelli pre-COVID, poiché la domanda rimane molto forte per le destinazioni di viaggio drive-to, mentre i viaggi internazionali rimangono più limitati.

Al di fuori dei viaggi, l’inflazione dei prezzi dei servizi negli Stati Uniti è stata ancora forte ma un po’ più contenuta a dicembre rispetto a novembre. L’inflazione dei prezzi degli alloggi (un terzo del paniere dell’indice dei prezzi al consumo) si è moderata dallo 0,5% m/m di novembre allo 0,42% m/m di dicembre, anche se gli affitti (0,39% m/m) e l’affitto equivalente ai proprietari (OER) (0,40% m/m) sono rimasti entrambi molto stabili. Detto questo, la stabilizzazione dell’OER vista nel rapporto di dicembre è importante, in quanto suggerisce che il ritmo mensile dell’inflazione OER potrebbe essere in calo, anche se resta ancora ad un livello elevato. L’ammorbidimento rispetto a novembre è stato guidato dalle “non città”, che sembrano avere rallentato leggermente. Nel complesso, questo conferma la nostra previsione di un picco dell’OER a circa il 5%-5,5% a/a.

Infine, i prezzi delle auto sono stati ancora una volta molto alti. L’inflazione dei prezzi delle auto usate è balzata al 3,5% m/m mentre i prezzi dei veicoli nuovi sono aumentati dell’1,0% m/m. Le carenze di semiconduttori, i bassi livelli di stock, l’andamento della domanda in pieno contesto pandemico e la distruzione dell’uragano Ida continuano a combinarsi in una tempesta perfetta per i prezzi delle auto. Il più recente indice di valore dei veicoli usati di Manheim, così come i commenti dei produttori di automobili sui problemi di fornitura, continuano a indicare un certo miglioramento nei prossimi mesi, ma probabilmente ci vorrà del tempo prima che le scorte si riprendano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Road to ITForum: con Consultique consulenza finanziaria indipendente e d’eccellenza

A ITForum Etn tematici e certificati Recovery Bonus sotto la lente

Road to ITForum, Forex: didattica al top con ActivTrades

NEWSLETTER
Iscriviti
X