Mercati Emergenti: lo spauracchio della Fed

A
A
A
di Redazione 24 Gennaio 2022 | 15:02

L’opinione prevalente sembra essere che le condizioni finanziarie globali si irrigidiscano quando la Fed aumenta i tassi e quindi i più fragili tra i mercati emergenti tendono ad avere problemi a rifinanziare il proprio debito estero.

Questo pessimismo ha portato a un sell-off aggressivo del debito sovrano dei mercati emergenti in valuta forte all’inizio del 2022.

Tuttavia, se guardiamo gli ultimi tre cicli di rialzo della Fed, questa visione non regge all’esame”. A farlo notare è Carlos de Sousa, Emerging Markets Strategist and Portfolio Manager di Vontobel, che di seguito spiega nel dettaglio la view.

Durante gli anni 99-2000, il 2004-06, e i cicli di escursioni del 2015-18 gli spread EM e i rendimenti EM erano in calo, e la performance sovrana EM. Gli spread EM tendono ad allargarsi prima dei cicli di rialzo della Fed, per poi restringersi gradualmente durante il ciclo di rialzo stesso. Gli spread EM HY non erano così ampi rispetto alle loro controparti investment grade dall’inizio del 2003. Siamo probabilmente al picco del pessimismo di mercato nei mercati emergenti in questo momento.

I paesi che hanno assolutamente bisogno dell’accesso al mercato per rinnovare il loro debito e che attualmente hanno rendimenti a una sola cifra o vicini al 10% in dollari USA sono naturalmente i più esposti, perché potrebbero perdere l’accesso al mercato e dovrebbero ricorrere a fonti alternative di finanziamento esterno per rimanere in pari con i rimborsi del loro debito estero. L’Egitto ne è un esempio, ed è per questo che è stato un performer relativamente scarso negli ultimi mesi. Eppure, l’Egitto ha ottenuto prestiti sindacati dalle banche del Golfo per 3 miliardi di dollari e un prestito bilaterale dalla Corea del Sud per 1 miliardo di dollari, che è sufficiente a coprire le sue esigenze di finanziamento esterno per almeno sei mesi. Altri paesi vulnerabili includono il Ghana, che ha già perso l’accesso al mercato e ora sta cercando di recuperare la fiducia del mercato impegnandosi a raggiungere i suoi obiettivi di consolidamento fiscale quest’anno. La forza del Ghana è che non ha scadenze significative di debito a breve termine e che ha un livello sufficiente di riserve internazionali, quindi può rimanere fuori dai mercati di eurobond fino al 2022.

Dall’altro lato dello spettro, è improbabile che i paesi investment grade abbiano problemi nell’emettere debito estero, ma ai prezzi attuali sono le obbligazioni che hanno maggiori probabilità di perdere valore, dato che i loro spread sono bassi rispetto ai rendimenti dei Treasury statunitensi, mentre gli emittenti HY hanno un ampio cuscinetto di spread e probabilmente forniranno grandi rendimenti positivi nel corso dell’anno.

I rischi di default rimangono bassi

Ci sono pochissimi paesi a rischio di default o ristrutturazione a breve termine nel 2022. La ragione è molto semplice. I paesi (e le società) di solito ristrutturano i loro debiti all’inizio di una crisi (e alcuni lo hanno fatto nel 2020) perché questo è il momento in cui le loro entrate sono al punto più basso e la necessità di sostenere la loro economia è maggiore. Non siamo più nella fase iniziale di una crisi, siamo nella fase finale di una ripresa e di una ripresa abbastanza forte, quindi per la grande maggioranza dei paesi non ha più senso ristrutturare. Naturalmente, ci sono delle eccezioni. Lo Sri Lanka e l’Etiopia sono due chiari esempi di paesi che probabilmente ristruttureranno nel 2022, ma in entrambi i casi i prezzi delle obbligazioni danno già pienamente conto della ristrutturazione. Infatti, i prezzi attuali delle obbligazioni sono probabilmente al di sotto del valore di recupero in entrambi i casi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: ancora buone opportunità dai titoli growth

Asset allocation: ecco cosa fare se gli Usa entrano in recessione

Asset allocation: la view di Credit Suisse

NEWSLETTER
Iscriviti
X