Investimenti, obbligazioni: ecco a cosa prestare ora attenzione

A
A
A
di Redazione 25 Gennaio 2022 | 10:01

La riunione del FOMC di questa settimana condizionerà il sentiment dei mercati a livello globale. Riteniamo che le informazioni relative alla riduzione del bilancio siano cruciali per capire quanti rialzi dei tassi la Fed potrebbe attuare quest’anno. Fornirà, inoltre, un quadro migliore se la curva dei rendimenti continuerà ad appiattirsi al ribasso o se esiste il potenziale per un leggero irripidimento“. A farlo notare è Althea Spinozzi, senior Fixed Income Strategist di BG Saxo, che di seguito illustra nel più dettaglio lo scenario e la propria view.

Tuttavia, è probabile che i timori relativi a un rallentamento della crescita e all’escalation delle tensioni tra Stati Uniti e Russia manterranno compressi i rendimenti a lungo termine, ostacolando l’aumento dei rendimenti a 10 anni al 2%.

In Europa, il focus degli investitori sarà sul BTP italiano mentre il parlamento del Paese si riunirà per eleggere il nuovo Presidente della repubblica. Prevediamo un aumento della volatilità nel processo, drenando la domanda di BTP italiani e provocando un allargamento dello spread BTP/Bund fino a 160 punti base.

Una settimana critica per i Treasury Usa

La riunione della Federal Reserve di questa settimana determinerà il sentiment di tutti gli asset con l’attesa riguardo agli aumenti dei tassi di interesse per quest’anno e rispetto alle intenzioni che la banca centrale dovrebbe attuare in merito alla riduzione del suo bilancio di quasi 9 trilioni di dollari. Da marzo 2021, il mercato sta scontando quattro rialzi dei tassi di interesse. La grande domanda è se la Fed corrisponderà, deluderà o supererà tali aspettative.

Vediamo i tre scenari possibili:

  • La Fed rispecchia le aspettative del mercato. In questo caso, l’attenzione degli investitori si sposterebbe verso il ribasso del suo bilancio. Supponiamo che ci siano indicazioni che il bilancio della Fed debba essere ridotto più rapidamente rispetto ai precedenti periodi di inasprimento a causa delle pressioni inflazionistiche. In tal caso, potremmo assistere a un sell-off concentrato su Treasury a lungo termine e asset con una duration elevata, come i titoli Tech
  • La Fed va oltre le aspettative del mercato. Riteniamo che sia lo scenario meno probabile. In questo caso, assisteremo a un rapido appiattimento ribassista della curva dei rendimenti poiché il mercato dovrà valutare un programma di aumento dei tassi più aggressivo.
  • La Fed delude le aspettative del mercato. In questo caso, potremmo assistere a un rialzo della curva dei rendimenti poiché la parte anteriore della curva dei rendimenti dovrà riconsiderare il numero di aumenti dei tassi di interesse quest’anno. La formulazione relativa alla riduzione del bilancio sarà fondamentale in quanto un inizio precoce e aggressivo della sua chiusura potrebbe aumentare i rendimenti a lungo termine, inasprindo ulteriormente la curva dei rendimenti.

Di tutte le opzioni di cui sopra, credo che l’ultima sia la più probabile. In effetti, la banca centrale ha espresso in diverse occasioni preoccupazioni riguardo all’attuale forma piatta della curva dei rendimenti. Pertanto, non avrebbe senso vedere un Powell eccessivamente aggressivo promettere un rapido aumento dei tassi perché ciò appiattirebbe rapidamente la curva dei rendimenti.

È più probabile che la Federal Reserve cerchi di combinare aumenti dei tassi di interesse con una riduzione precoce e graduale del suo bilancio per preservare l’irripidimento della curva dei rendimenti da un lato e per stringere l’economia in modo più efficiente dall’altro. Attraverso l’attuazione delle politiche di bilancio, la banca centrale influenzerà i rendimenti a lungo termine direttamente collegati ai costi dei mutui e dei prestiti.

Tuttavia, se la Fed dovesse aumentare i tassi di 50 punti base a marzo, come alcuni hanno suggerito, avrebbe scarso impatto sulle strozzature della catena di approvvigionamento o sui prezzi dell’energia. Supponiamo che mercoledì Powell sarà più propenso a combinare gli aumenti dei tassi di interesse con una riduzione del bilancio. In tal caso, il mercato potrebbe riconsiderare il numero di aumenti per il 2022 perché la banca centrale potrebbe non essere così aggressiva come previsto.

Tuttavia, dobbiamo essere preparati per un anno in cui la Federal Reserve potrebbe spostarsi e cambiare i messaggi a ogni riunione. Mentre l’anno scorso i funzionari stavano pazientemente cercando di dimostrare che l’inflazione era transitoria, quest’anno sono stati spinti dalla Casa Bianca a combatterla. Quindi, prepariamoci ad un anno volatile dei mercati.

Anche i dati economici saranno fondamentali per la prossima settimana. Giovedì gli Stati Uniti rilasceranno i dati preliminari sul prodotto interno lordo dell’ultimo trimestre. Venerdì saranno diffusi anche i dati sulle entrate e sulle spese personali di dicembre. Numeri che potrebbero mostrare come l’economia sta perdendo slancio, amplificando le preoccupazioni per un rallentamento della crescita che potrebbe mantenere compressi i rendimenti a lungo termine.

Non possiamo finire di parlare di Treasury senza menzionare l’escalation delle tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Russia, che venerdì hanno provocato un rapido calo dei rendimenti lungo la curva dei rendimenti. Se le tensioni dovessero intensificarsi, possiamo aspettarci che i rendimenti rimarranno compressi o addirittura scenderanno durante una fuga verso la salvezza. Oggi i rendimenti sono scesi ulteriormente, con i rendimenti a 10 anni vicini a testare la resistenza all’1,70%.

I rendimenti dell’Europa rallentano la loro ascesa

In Europa, il movimento dei rendimenti statunitensi sarà al centro dell’attenzione. Se riprendessero a salire, potrebbero fornire slancio ai rendimenti dei Bund per superare nuovamente lo 0% e rimanere al di sopra di questo livello. I dati sul prodotto interno lordo per il quarto trimestre del 2021 per Germania, Francia e Spagna saranno pubblicati venerdì.

Le elezioni presidenziali in Italia

Il parlamento italiano si è riunito per votare il prossimo Presidente della Repubblica. È importante sapere che tale elezione rischia di stimolare la volatilità tra i titoli di Stato italiani. Un aumento della volatilità è stato storicamente collegato alla diminuzione dell’appetito degli investitori per le obbligazioni della periferia. Nello scenario più conservativo assistiamo ad un temporaneo allargamento dello spread BTP-Bund a 160pb. Tuttavia, se Draghi lascia il suo posto di primo ministro, il Paese rischia un vuoto politico, portando il paese ad elezioni anticipate. Non solo, ma la ripresa dell’Italia dipende anche dai fondi del fondo NextgernerationEU che non verranno erogati a meno che non siano attuate le necessarie riforme. Pertanto, la perdita di Draghi come primo ministro potrebbe essere costosa e, nel peggiore dei casi, lo spread BTP-Bund potrebbe allargarsi di oltre 200 punti base.

Tuttavia, è importante sottolineare che rimaniamo rialzisti sullo spread BTP-Bund a lungo termine. In effetti, sia la BCE che il nuovo governo tedesco investono su un’Europa meglio integrata, che a lungo termine provocherá una compressione degli spread nell’area dell’euro.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati: per l’Euro/Dollaro l’inversione può essere vicina

Mercati, bond condizionati dall’inflazione. Le nuove emissioni sotto la lente

Mercati, obbligazioni: le nuove emissioni sotto i riflettori

NEWSLETTER
Iscriviti
X