Investimenti, bond high yield a tasso variabile: le ragioni per averle in portafoglio

A
A
A
di Redazione 27 Gennaio 2022 | 14:01

Le obbligazioni high yield, compresi i Floating Rate Note (FRN o titoli a tasso variabile), sono tra i pochi segmenti del debito pubblico ad offrire ancora rendimenti interessanti. Privi di rischio di tasso di interesse, questi titoli offrono agli investitori diversificazione nell’attuale contesto di mercato”. Ad affermarlo è James Tomlins, gestore del fondo M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield Fund di M&G, che di seguito illustra nel dettaglio la view.

Una valida alternativa ai prestiti garantiti

Nel 2021 le obbligazioni societarie high yield hanno registrato un forte recuperospinti dal desiderio degli investitori di ridurre la duration) e incrementare le renditedei propri portafogli.

Sul lungo periodo, gli HY FRN hanno dimostrato di essere una buona e più liquida alternativa ai leveraged loan statunitensiche our offrendo tassi variabili sono gran parte riservati agliinvestitori istituzionali.

Proprio come i leveraged loan, anche gli HY FRN pagano cedole a tasso variabile, tipicamente basate su un tasso di riferimento, con l’aggiunta di uno spread high yield fisso. Le cedole hanno un rischio di tasso di interesse molto limitato. Inoltre, poiché tipicamente occupano una posizione senior nella struttura del capitale dell’emittente, gli HY FRN tendono a offire piu’ sicurezza agli investitori in caso di default.

A fine novembre 2021, gli HY FRN offrivano uno spread di circa il 4,4%, notevolmente superiore agli spread inferiori all’1,5%, tradizionalmente offerti dal credito investment grade con rating BBB.

Una maggiore liquidità

Quello delle emissioni di HY FRN è in gran parte un mercato europeo. Negli Stati Uniti, i mutuatari si muovono tipicamente sul mercato dei prestiti, molto più grande rispetto al corrispettivo d’oltreoceano. Questi prestiti sono paragonabili agli HY FRN a causa delle cedole a tasso variabile e dei rating di credito non-investment grade. Tuttavia, gli HY FRN hanno un notevole vantaggio di liquidità potenziale rispetto ai prestiti. In condizioni di mercato normali, i tempi di liquidazione degli HY FRN sono tipicamente T+2 giorni, rispetto a T+5 a T+10 giorni per i prestiti a leva statunitensi, più utilizzati rispetto agli HY FRN negli USA, e fino a T+30 per i prestiti europei.

Prospettive per il 2022

Per quest’anno vediamo quattro fattori principali a sostegno degli HY FRN:

  1. Rischio di tasso d’interesse inferiore

Il 2022 potrebbe essere l’anno della stretta monetaria. Se così fosse, è probabile che il potenziale aumento dei rendimenti dei titoli di Stato abbia un effetto a catena sul valore di altre obbligazioni a tasso fisso. La duration degli floating rate note solitamente vicina allo zero li protegge efficacemente dagli effetti negativi di unaumento dei tassi ; le cedole variabili, forniscono flussiche aumenta in linea con i tassi di interesse.

  1. Volatilità storicamente più bassa in periodi di stress di mercato

Il beta di mercato degli HY FRN è inferiore a quello delle obbligazioni High Yield, con una durata media dello spread di 2,3 anni rispetto a 4,0 anni. Di conseguenza questi titoli seguiranno tipicamente la stessa direzione generale del mercato high yield a tasso fisso, ma con volatilità inferiore, soprattutto in tempi di stress di mercato. Ne abbiamo avuto prova in piu’ di una occasione di recente, nei periodi di incertezza sul possibile tapering negli Stati Uniti nel 2015, durante i timori dell’inflazione globale nel 2018 e nel corso della recente crisi pandemica.

  1. Potenziale di rialzo del capitale

La maggior parte delle obbligazioni high yield incorpora opzioni call che consentono all’emittente di riacquistare i titoli dagli obbligazionisti a una data e a un prezzo specifici. Con rendimenti vicini ai minimi e prezzi vicini ai massimi pluriennali, il mercato obbligazionario high yield a tasso fisso affronta difficoltà notevoli in termini di potenziale di crescita del capitale. Molte di queste obbligazioni sono ora scambiate al loro prossimo prezzo di call o al di sopra – soglia alla quale il cambio di prezzo è conveniente. Circa due terzi delle obbligazioni high yield statunitensi sono scambiate al di sopra del loro prezzo di call successivo, mentre solo un terzo del mercato degli HY FRN ha lo stesso vincolo di convessità negativa. Ciò implica un ulteriore potenziale rialzo del capitale per gli HY FRN, caratteristica positiva che si somma alla protezione contro l’aumento dei tassi.

  1. Fattori tecnici che sostengono la domanda di HY FRN

Le Collateralised loan obligation (CLO) sono un acquirente importante di HY FRN. L’ondata di fusioni e acquisizioni in corso significa che le CLO possono continuare a sostenere una forte domanda di HY FRN nel prossimo futuro.

Conclusione

I titoli high yield possono rappresentare un interessante modo per diversificare e proteggere i portafogli dall’aumento dei tassi e dall’inflazione. Offrono diversi vantaggi, tra cui reddito interessante, liquidità relativamente solida e protezione dai tassi d’interesse. Nell’attuale contesto di incertezza della politica monetaria, e con prospettive favorevoli di default per molti settori, crediamo che l’asset class possa fornire ulteriori opportunità nel periodo a venire.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: le opportunità nascoste dell’high yield

Asset allocation: le opportunità nei bond High Yield

Etf, da Tabula un Euro High Yield Bond Ucits allineato all’accordo di Parigi

NEWSLETTER
Iscriviti
X