Asset allocation, mercati emergenti: l’outlook di TCW

A
A
A
di Redazione 8 Febbraio 2022 | 16:01

Il debito dei mercati emergenti è stato sotto pressione nel 2021, spinto dalle preoccupazioni per il rallentamento della crescita in Cina e le sfide nel suo settore immobiliare, insieme alle percezioni di una Fed più aggressiva e di un’inflazione più elevata.

“Guardando al futuro, riteniamo che la ripresa economica globale e dei mercati emergenti continuerà, ma a un ritmo sequenziale più lento di quello osservato nel rimbalzo iniziale della crescita che ha seguito lo shock da COVID-19 del 2020″. Parola di Anisha Goodly, Emerging Markets Portfolio Specialist di TCW, che di seguito spiega nei particolari la previsione.

Mentre la maggior parte delle economie continua a crescere al di sopra del trend in termini annuali, i tassi di crescita annuali si stanno riducendo a causa dell’affievolirsi degli effetti di base favorevoli e dell’inasprimento delle condizioni finanziarie globali, con le banche centrali che stanno rispondendo alle elevate pressioni inflazionistiche. Con un impulso fiscale ridotto, prevediamo un rallentamento della crescita globale al 4,5% nel 2022 dal 5,8% del 2021, con una decelerazione della crescita nei Paesi emergenti dal 6,4% al 5,0%. Questo fattore è legato a un rallentamento della crescita cinese al 5%, che riflette effetti di base più bassi, oltre a un aumento dei venti contrari indotti dalle policy, in quanto le autorità si concentreranno su una crescita più sostenibile e ampiamente condivisa. Tale approccio include lo spostamento degli investimenti dal settore immobiliare, la riduzione della leva finanziaria in eccesso e l’intensità energetica della crescita, la limitazione del potere di mercato delle piattaforme tecnologiche e la riduzione della dipendenza della Cina dalla tecnologia statunitense. Riteniamo che gli investimenti nella produzione avanzata e nella protezione dell’ambiente, insieme allo stimolo monetario in Cina, probabilmente si allenteranno moderatamente, dati questi venti contrari alla crescita.

La ripresa economica rimarrà probabilmente disomogenea in tutti i mercati emergenti durante il 2022, con le economie orientate all’esportazione meglio posizionate per trarre vantaggio dalla ripresa della domanda dei mercati sviluppati. La variante Omicron ha aggiunto un altro elemento di incertezza alle prospettive globali, mettendo a rischio l’allentamento delle strozzature della supply chain e la ripresa del turismo e dei settori dei servizi. Tuttavia, prevediamo che queste pressioni alla fine si allenteranno. Il nostro scenario di base rimane che i Paesi a reddito medio-alto in Europa e Asia raggiungeranno probabilmente un certo grado di immunità della popolazione entro la metà del 2022, mentre molti Paesi a basso reddito probabilmente lotteranno per distribuire sufficienti vaccini di alta qualità almeno fino alla fine del 2022 o all’inizio del 2023. Sebbene riteniamo ancora che la crescita dei mercati emergenti supererà quella dei mercati sviluppati nel 2022, il margine sarà probabilmente più piccolo rispetto alle tendenze storiche. Nel 2023-2024, tuttavia, il differenziale di crescita emergenti-sviluppati si amplierà di nuovo quando l’impulso dello stimolo straordinario dei mercati sviluppati si esaurirà e le condizioni sanitarie globali si normalizzeranno gradualmente, permettendo al potenziale di crescita molto più elevato dei mercati emergenti di riaffermarsi.

Diverse banche centrali dei mercati emergenti hanno reagito in modo molto aggressivo alle pressioni inflazionistiche alimentate dalla forte domanda interna, dagli alti prezzi dell’energia e dalle strozzature dell’offerta (che probabilmente persisteranno per un altro paio di trimestri, a nostro avviso). È probabile che i cicli di inasprimento dei mercati emergenti persistano per tutto il 2022, anche se alcuni early mover potrebbero terminarli molto prima, e riteniamo che l’inflazione inizierà a normalizzarsi entro la fine del 2022 e tornerà verso i livelli storici nel 2023-2024. Se, come previsto, molti mercati emergenti ridimensioneranno lo stimolo fiscale nel corso del 2022, potrebbe essere necessaria una stretta monetaria un po’ meno forte in quegli stessi mercati.

Le bilance dei pagamenti dei mercati emergenti sono significativamente più sane rispetto alla maggior parte degli altri periodi dell’era successiva alla Crisi Finanziaria Globale e, di conseguenza dipendono meno dal finanziamento del debito esterno, un fattore chiave della resilienza (il valore aggregato di tali mercati è previsto in crescita a +1,7% nel 2021). In parole povere, il rifinanziamento del debito non è una sfida significativa per la maggior parte dei mercati emergenti, e il rischio di contagio da una specifica ristrutturazione del loro debito sovrano al mercato più ampio rimane a nostro avviso piuttosto basso.

Alcuni degli ostacoli che hanno caratterizzato il 2021 – le preoccupazioni per la crescita, l’aumento dell’inflazione e la volatilità dei Treasury USA – probabilmente si riverseranno sull’inizio del 2022. Tuttavia, la nostra visione a lungo termine sul debito in valuta forte dei mercati emergenti rimane costruttiva alla luce della nostra previsione di una continua ripresa.

Il debito in valuta locale ha subito una forte pressione nel 2021 (in calo di quasi il 9%). Le valutazioni appaiono interessanti, ma per aumentare l’esposizione ai tassi locali, siamo in attesa di segnali che l’inflazione stia raggiungendo il picco. Con il ciclo di rialzo dei tassi della Fed ampiamente previsto, l’impatto dei primi aumenti dovrebbe essere relativamente benigno per i mercati valutari degli emergenti. Riteniamo inoltre che un rally delle valute di tali mercati dovrà basarsi sulla debolezza del dollaro. La valuta USA in genere si rafforza durante il primo rialzo dei tassi della Federal Reserve, in quanto le aspettative vengono prezzate, per poi indebolirsi in seguito. Riteniamo che le preoccupazioni per l’inflazione e l’anticipazione del primo rialzo dei tassi della Fed guideranno le valutazioni delle valute locali dei mercati emergenti durante la prima metà del 2022, mentre il miglioramento dei rendimenti reali guiderà la seconda metà, quando l’inflazione raggiungerà il picco.

Siamo consapevoli che la differenziazione è fondamentale in un universo di oltre 70 Paesi, in particolare alla luce dell’atteggiamento falco della Fed, delle preoccupazioni per la crescita cinese e dei vari sviluppi idiosincratici nei singoli Paesi. Prevediamo un’ampia dispersione tra i Paesi emergenti, guidata da sviluppi politici, dinamiche fiscali, diffusione dei vaccini, sensibilità alle materie prime e fattori ESG.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X