Investimenti, obbligazioni: l’etichetta Esg non basta

A
A
A
di Redazione 11 Febbraio 2022 | 15:29

“Le considerazioni ambientali, sociali e di governance (ESG) sono diventate un fondamento nel panorama degli investimenti, come intuibile dalla rapida crescita del debito ESG-labeled emesso, incluse obbligazioni green, sociali e sostenibili”. A farlo notare è Matt Lawton, Portfolio Manager di T. Rowe Price, che di seguito spiega nel dettaglio la view.

Tuttavia, anche se questi strumenti hanno amplificato l’interesse degli investitori e aumentato i flussi di capitale verso le aziende ESG-consapevoli, non sono l’unico strumento per gli investitori che cercano di avere un impatto sociale positivo. Infatti, valutare le aziende al di fuori dei mercati obbligazionari etichettati ESG può portare alla luce opportunità significative in termini di impatto positivo e obiettivi finanziari. Questo non solo amplia il set di opportunità, sostenendo direttamente le aziende – invece di limitarsi a finanziare progetti specifici – ma può anche aiutare a creare un portafoglio che sia meglio allineato con gli obiettivi di impatto a lungo termine.

Perché il finanziamento ESG va oltre le etichette

Il debito etichettato ESG è diventato una caratteristica significativa del mercato obbligazionario globale negli ultimi anni. Secondo le nostre analisi, le emissioni green, sociali, di sostenibilità e legate alla stessa, hanno surclassato la soglia dei mille miliardi di dollari nel 2021, rispetto ai soli 442 miliardi di dollari del 2020.

Tuttavia, le obbligazioni etichettate ESG non hanno un monopolio nei mercati del fixed income quando si tratta di investimenti d’impatto. Per molti emittenti, le attività quotidiane – dalla trasformazione delle risorse energetiche alle decisioni di prestito di un istituto finanziario – possono produrre benefici ambientali e sociali materiali e misurabili. Tuttavia, queste aziende scelgono di non etichettare le loro obbligazioni. E, dato che l’anno scorso le aziende e i governi hanno raccolto più di 24.000 miliardi di dollari in debito non ESG-labeled nei mercati obbligazionari, secondo Bloomberg, gli investitori a impatto devono fare ampie ricerche nei mercati del capitale di debito per trovare opportunità di investimento interessanti, per non parlare delle opportunità di investimento “a impatto” o “a impatto interessante”.

Ampliare il set di opportunità migliora il potenziale di impatto

Da un lato, allargare l’area di ricerca degli investimenti a impatto può sembrare controintuitivo. Le obbligazioni ‘use-of-proceeds’ sono intrinsecamente legate a progetti distinti, sia a livello individuale che come parte di un quadro SDG. Questo significa che il risultato, sia esso un progetto o un obiettivo, può essere chiaramente ricondotto all’investimento iniziale etichettato ESG, e l’impatto può quindi essere quantificato. Tuttavia, l’idea che le società che emettono obbligazioni ESG-labeled abbiano un impatto maggiore di quelle che emettono obbligazioni non-labeled può essere errata. Guardando all’SDG della lotta al cambiamento climatico – misurato in parte dal percorso per raggiungere emissioni di carbonio “net-zero” entro il 2050 – è necessaria una visione più olistica dell’universo obbligazionario. Per esempio, potrebbe essere più impattante investire in una società di energia rinnovabile, le cui attività quotidiane contribuiscono ad accelerare la decarbonizzazione dell’economia globale, spostando la produzione di energia dai combustibili fossili alle alternative a basse emissioni di carbonio.

In effetti, questo scenario descrive NextEra Energy Operating Partners (NEOP), un’azienda che gestisce un portafoglio di asset eolici, solari e di stoccaggio di batterie. In superficie, l’azienda potrebbe essere trascurata dagli impact investor puramente concentrati sulle obbligazioni etichettate ESG, poiché NEOP non ha storicamente emesso tali strumenti.

NEOP gestisce un portafoglio di asset di energia rinnovabile che comprende 6.250 megawatt di capacità netta e, attraverso la sua pipeline di sviluppo, mira a raggiungere 17.300 megawatt entro il 2023-2024. Quindi, anche se le sue obbligazioni non hanno un’etichetta “green” o ESG, investire in NEOP sostiene direttamente un emittente le cui attività quotidiane stanno generando impatti ambientali significativi e misurabili.

Creare un impatto, evitando il “Greenium

Le obbligazioni non-labeled hanno un altro vantaggio per gli investitori a impatto: il fatto che si scambiano a sconto rispetto al debito etichettato ESG. Questo cosiddetto “greenium” – lo spread di un’obbligazione etichettata ESG rispetto alla curva non-labeled dell’emittente – si è ampliato nel tempo in concomitanza con l’aumento della domanda per questa asset class.

A prima vista ciò ha senso, dato che lo scopo delle obbligazioni etichettate ESG è quello di ridurre il costo del capitale per i progetti green e sociali allocando preferenzialmente il capitale a loro. Tuttavia, guardando più in profondità, se gli impact investor possono ottenere l’effetto ambientale o sociale desiderato senza pagare il solito premio associato a un’etichetta ESG, è probabile che l’investimento si sposti verso il segmento non etichettato.

Un mercato più grande richiede una ricerca più approfondita

Entrare in obbligazioni non-labeled da una prospettiva di impatto non è necessariamente semplice. Nelle obbligazioni non etichettate, tuttavia, gli investitori devono fare engagement direttamente con l’azienda su una base forense per accertare se l’emittente sta mirando a generare un impatto che sono disposti a finanziare. A nostro avviso, ci sono tre passi chiave lungo il percorso:

Allinearsi con gli obiettivi di impatto: La misurazione dell’impatto è complessa. In T. Rowe Price; questo processo decisionale è modellato intorno al nostro quadro proprietario dei pilastri dell’impatto, un insieme di tre obiettivi generali che sono collegati agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Capire il livello di impatto: Mentre l’allineamento è un buon punto di partenza, è anche importante condurre una due diligence d’impatto su un emittente per ottenere una comprensione più profonda della sua impronta d’impatto. I nostri team di ricerca e d’investimento applicano un quadro delle dimensioni d’impatto per aiutarci a formalizzare una tesi d’impatto, evidenziare le esternalità e i rischi negativi e definire gli indicatori chiave di performance per ogni titolo per assistere nella misurazione dell’impatto di un’azienda nel presente e su periodi di tempo più lunghi.

Misurare e riferire i risultati: Quantificare i risultati tangibili di un investimento a impatto è vitale per dimostrare come le decisioni di investimento abbiano conseguenze positive dirette. Questo deve essere fatto attraverso dati quantitativi ed esterni, dove possibile, per aiutare a dimostrare un riflesso oggettivo dell’impatto di un investimento.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X