Asset allocation: difendersi con i dividendi

A
A
A
di Redazione 4 Marzo 2022 | 14:31

La strategia Defensive Dividends di Credit Suisse punta a limitare i drawdown durante le correzioni del mercato azionario, ma a partecipare ai rialzi del mercato. In quest’ottica, ecco di seguito nel dettaglio i dettagli su come procederesecondo l’istitituto.

La lista Defensive Dividends è scesa del 5,2% da un anno all’altro (in valute locali), seguendo il benchmark MSCI All Country World High Dividend Yield di poco meno di 300 punti base ma superando l’indice MSCI All Country World di quasi 200 punti base.

In un inizio d’anno molto debole per i mercati azionari, il tema dei dividendi ha sovraperformato i mercati globali, come esemplificato dalla sovraperformance degli indici MSCI High Dividend Yield rispetto ai loro fratelli indici di mercato più ampi. Credit Suisse si attende che l’incertezza – alla luce del percorso poco chiaro delle decisioni delle banche centrali e delle turbolenze geopolitiche precipitate dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia – permanga, vede il tema dei dividendi come estremamente attuale e interessante per gli investitori.

“In termini di fondamentali, notiamo un’elevata liquidità corporate, un indebitamento relativamente basso come ratio (ad esempio, debito netto/EBITDA) grazie alla forte crescita storica dell’EBITDA, una bassa spesa per interessi (che probabilmente potrebbe cambiare, a seconda del percorso delle decisioni della banca centrale) e indici di payout recentemente diminuiti, sempre grazie alla forte crescita storica del reddito. Pensiamo che tutti questi fattori siano di supporto al tema dei dividendi.

La lista Defensive Dividends è scesa di 5,2 punti percentuali (in valute locali, al 28 febbraio), rappresentando una sottoperformance di poco meno di 300 punti base (pb) rispetto al suo benchmark, l’MSCI All Country World High Dividend Yield Index, ma superando l’MSCI All Country World Index di quasi due punti percentuali nello stesso periodo. L’ esposizione della lista al settore dell’energia, così come la nostra attenzione ai titoli di qualità superiore (e quindi a multipli più alti) ha pesato in un momento in cui si cercavano titoli value.

In termini di migliori risultati (rendimento totale in USD) al momento della scrittura e dal nostro ultimo aggiornamento, Coca-Cola, RWE, Novartis, Sanofi e Zurich si sono distinti, poiché gli investitori si sono orientati verso titoli più difensivi e/o value. All’altra estremità dello spettro c’erano Air Products, Siemens, JP Morgan, Ericsson e Texas Instruments (eliminiamo gli ultimi tre con questo aggiornamento), tutti considerati relativamente più ciclici e/o con ragioni idiosincratiche per la loro sottoperformance (ad esempio Ericsson, vedi sotto).

Il fascino degli investimenti in dividendi

“Continuiamo a credere che le strategie sui dividendi offrano agli investitori molti vantaggi, il più importante dei quali è un rendimento a lungo termine più elevato con un rischio inferiore rispetto ai mercati azionari più ampi. Il fatto che le società che pagano i dividendi abbiano di solito flussi di cassa più resistenti aiuta a limitare i prelievi durante le correzioni del mercato. Come tali, i titoli a dividendo godono di un certo status di rifugio sicuro e tendono a soffrire meno delle loro controparti cicliche. Inoltre, la composizione dei rendimenti dei dividendi reinvestiti contribuisce alla performance. Continuiamo a considerare il caso di investimento per le strategie a dividendo come interessante, supportato da un ragionevole divario tra i rendimenti delle obbligazioni e i rendimenti dei dividendi. I payout ratio ancora moderati, così come i livelli di cassa aziendali ragionevolmente alti, dovrebbero sostenere i pagamenti dei dividendi anche se alcune metriche operative saranno indubbiamente messe a dura prova dalla recente crisi economica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X