Asset allocation: la miglior difesa è la diversificazione

A
A
A
di Redazione 7 Marzo 2022 | 15:01

L’invasione russa è in corso e rimane molta incertezza sulla portata delle sanzioni e sull’impatto del taglio dei legami con la Russia, quindi per ora continua a dominare la volatilità. Di fronte a questo scenario, ecco di seguitola view di Lewis Grant, Senior Global Equities Portfolio Manager, per la divisione internazionale di Federated Hermes

Un grande sell-off sugli asset russi la scorsa settimana ha fatto crollare l’IMOEX russo di oltre il 30%, in seguito all’aumento delle sanzioni UE. È probabile che questa situazione possa essere esacerbata dalla potenziale esclusione degli asset russi dagli indici ESG e dalle altre mosse da parte dell’Occidente, tra cui l’esclusione di diverse grandi banche russe dal circuito SWIFT.

Il nostro indicatore proprietario di avversione al rischio corrobora il sentiment risk-off degli investitori. I tipici beni rifugio in tempo di guerra, come oro e petrolio, hanno mostrato rialzi sostanziali.

L’oro è aumentato quasi ai massimi sperimentati in precedenza al culmine della pandemia, mentre il petrolio ha continuato la propria ascesa oltre i 110 dollari al barile. L’invasione russa sta aggiungendo ulteriori pressioni inflazionistiche, con il Canada l’ultimo Paese ad alzare i tassi, mentre Jerome Powell ha quasi approvato un aumento dei tassi a marzo per frenare l’inflazione “troppo alta”.

Come queste pressioni e le misure restrittive possano pesare sulla crescita economica non è chiaro, ma quello che si è visto negli ultimi giorni è che gli investitori stanno guardando verso investimenti difensivi. È troppo presto per andare a caccia di occasioni e in questo ambiente è fondamentale rimanere diversificati.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X