Mercati: all’orizzonte un possibile un atterraggio morbido

A
A
A
di Redazione 5 Aprile 2022 | 15:01

Dato il rapido ritmo di questo straordinario ciclo economico, l’attenzione si è recentemente concentrata sulle possibilità di una recessione statunitense nel 2023 e se la Federal Reserve può, in qualche modo ottenere, un atterraggio morbido per l’economia. In questo scenario, ecco di seguito la view di Mark Holman, Partner di TwentyFour AM.

Il rapido appiattimento delle principali curve di rendimento dei titoli di stato e, in particolare, la breve inversione di qualche giorno fa dello spread 2-10 anni sui Treasury americani, hanno posto questa domanda sotto i riflettori degli investitori.

Ormai sappiamo tutti ciò che un’inversione della curva 2-10 anni, di solito, implica, cioè che una recessione negli Stati Uniti è certa. Tuttavia, vale la pena di abbassare un po’ il potere predittivo di questo fenomeno, poiché i tempi dell’eventuale comparsa di una recessione variano molto. Storicamente, ci sono voluti da nove mesi a quasi quattro anni affinché ciò accadesse. Per questo motivo, mentre l’affidabilità del risultato non può essere negata, la tempistica rende impossibile usarlo come qualcosa di più di un segnale d’allarme. Quando la curva dei rendimenti si è invertita nell’agosto 2019 ed è stata seguita da una recessione nel marzo 2020, nessuno aveva sentito parlare di COVID-19. L’inversione era corretta, come sempre, ma la recessione che ne è seguita è avvenuta per ragioni che non potevano essere previste.

Penso che dovremmo attribuire il recente appiattimento e l’inversione della curva alla forward guidance, un fattore di cui gli investitori hanno beneficiato solo recentemente. L’intera curva si è mossa rapidamente verso l’alto, ma la parte anteriore ha sovraperformato sul movimento generale, poiché gli investitori hanno reagito alle parole della Fed e hanno pagato molti aumenti dei tassi. Questo, a nostro avviso, rende il suo ruolo come indicatore di recessione piuttosto meno utile del solito. In effetti, in termini economici l’utilità della forward guidance, quando si tratta di regolare la politica monetaria, è discutibile. È chiaramente utile quando la banca centrale vuole fornire sostegno monetario a un’economia vacillante, ma lo stesso non si può dire per la situazione attuale. Tuttavia, eccoci qui e il dibattito su un atterraggio morbido è aperto.

A nostro avviso, un atterraggio morbido negli Stati Uniti rimane uno scenario più probabile di uno duro, ma è chiaro che l’inflazione è più persistente e a livelli più alti di quanto la Fed abbia precedentemente indicato. Questo implica che diversi rialzi dei tassi da parte della Fed siano inevitabili, e ad un ritmo a cui i mercati non sono stati abituati per qualche tempo. È anche chiaro che il consumatore americano ha già sopportato 12 duri mesi di inflazione, il che avrà influito sul potere d’acquisto. Queste condizioni sembrano destinate a continuare fino a tutto il 2022, e arrivano in un momento di forti aumenti dei tassi.

Di conseguenza, sembra inevitabile che la fiducia dei consumatori sarà intaccata, anche se le misure del governo come il recente rilascio delle riserve di petrolio, possono aiutare in questo senso. Per un’economia basata sui consumi come quella statunitense, questa non è una buona notizia e quindi dobbiamo tenere conto di un ragionevole rallentamento della crescita del PIL previsto sopra.

Tuttavia, il nostro scenario di base considera ancora che gli Stati Uniti eviteranno una recessione nel 2023; a tal proposito metteremmo la probabilità di recessione l’anno prossimo a circa il 35%. Questo ragionamento positivo si basa sull’evidente forza dell’economia che va verso il 2022 e quindi sul grande buffer che ha avuto per far fronte ai numerosi shock che ha vissuto. Se non ci fosse questo buffer, la nostra visione sarebbe diversa perché, dopo tutto, l’economia ha dovuto sopportare uno shock della catena di approvvigionamento, uno della domanda, uno dell’inflazione, uno shock dei prezzi delle materie prime e, naturalmente, la guerra in Ucraina. Aggiungete a questo un significativo irrigidimento della politica monetaria e dobbiamo concludere che il grande buffer che l’economia aveva nel 2021 sarà eroso entro la fine del 2022.

Se i rialzi dei tassi si verificassero come previsto, l’economia statunitense mostrerebbe tutte le caratteristiche di un ciclo in ritardo e non avrebbe un grande buffer per garantire la crescita del PIL. Questa è la tipica posizione di fine ciclo che gli investitori devono affrontare.

Tuttavia, prima di diventare troppo ribassisti, un’economia di fine ciclo tende a trascinarsi e le attività rischiose possono diventare piuttosto costose in questa parte del ciclo, anche se naturalmente questo non è sempre il caso. Tuttavia, vale la pena ricordare che, di solito, è un qualche tipo di shock o sorpresa nel ciclo economico che porta il ciclo “oltre il precipizio”. Una volta raggiunta la fine del ciclo, l’economia è al massimo della sua vulnerabilità, quindi qualsiasi nuova sorpresa potrebbe avere difficoltà ad essere assorbita come lo sono state quelle precedenti.

Quindi lo scenario di base implica che l’economia atterrerà dolcemente, ma nel momento in cui lo farà, saremo vicini o alla fine del ciclo, e possiamo aspettarci che le valutazioni si riprendano e ci seguano lungo la strada. Inoltre i rendimenti dei Treasury USA a lungo termine stanno aumentando, il che dovrebbe aiutare gli investitori a bilanciare i portafogli quando raggiungeremo quel punto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti