Private Equity, cresce valore operazioni sul primo trimestre

A
A
A
Avatar di Redazione 5 Agosto 2008 | 13:35
Sale a 30 miliardi di Euro nel secondo trimestre 2008 il valore totale delle operazioni di private equity in Europa, +15% rispetto al primo trimestre; cala però del 53% rispetto al primo semestre 2007. In ripresa il mercato dei buyout di grandi dimensioni: crescita del 57% sul primo trimestre grazie a tre operazioni da 7,8 milioni di Euro nel secondo trimestre 2008. Questi i dati del “Q2 2008 Unquote Barometer” Incisive Media – Candover

Private Equity Europeo

  1. Il valore delle operazioni di private equity in Europa sale a 30 miliardi di Euro nel secondo trimestre, +15% rispetto ai 26 miliardi del trimestre precedente. L’incremento dei volumi è del 9%: 390 operazioni contro 358 nel primo trimestre.
  2. Rispetto al 2007 tuttavia le operazioni di private equity sono in calo: i dati dal 1 gennaio 2008 rivelano che ad oggi il volume delle operazioni è diminuito del 9% rispetto allo stesso periodo del 2007, con 748 operazioni contro 823. Anche il valore delle operazioni è sceso di oltre il 53%: da 121 miliardi a meno di 57 miliardi di Euro.

Buyout

  1. Il secondo trimestre rimane ai livelli del primo nel settore dei buyout, registrando un valore attorno ai 24 miliardi di Euro.
  2. Tuttavia il valore dei buyout dal 1 gennaio 2008 è calato di oltre il 58% rispetto al periodo equivalente del 2007: 48 miliardi contro 115 miliardi di Euro.
  3. 173 buyout sono stati conclusi nel secondo trimestre 2008, una cifra in crescita rispetto a 160 del primo trimestre.
  4. Il Regno Unito ha di nuovo superato le altre nazioni europee, totalizzando 63 operazioni – più del 36% della cifra totale, in crescita rispetto al 31% del primo trimestre. Il valore è calato di circa il 28%, da 11,1 miliardi di Euro a 8 miliardi, a conferma di una situazione difficile in atto, causata dalla mancanza di leva ai livelli più alti del mercato.
  5. Nell’area nord europea il volume delle operazioni è calato del 40%, da 25 a 15 operazioni, mentre il valore è più che raddoppiato, da 2,3 miliardi a 5,2 miliardi di Euro. Il mercato tedesco, in controtendenza, pur registrando un lieve aumento nel volume delle operazioni, da 28 a 32, ne ha visto il valore totale diminuire del 36%, da 4,4 miliardi a meno di 2,9 miliardi di Euro dal primo al secondo trimestre.
  6. Il trend del mercato small cap (operazioni del valore inferiore a 160 milioni Euro) è proseguito nel trimestre. Questo segmento ha visto aumenti significativi sia in termini di volume (143 operazioni, +14%) che di valore (6 milioni di Euro, +17%) tra il primo e il secondo trimestre.
  7. Al contrario, il segmento mid market (operazioni tra i 160 milioni e i 1,65 miliardi di Euro) è calato durante il secondo trimestre, con una flessione dei volumi del 18% (27 operazioni) e una diminuzione del valore del 28% (10 miliardi di Euro) tra il primo e il secondo trimestre.
  8. Il mercato delle operazioni a maggior valore (operazioni di valore superiore a 1,65 miliardi di Euro) ha avuto un sensibile miglioramento: una crescita del 57% dal primo al secondo trimestre. Tre transazioni, del valore di 7,8 miliardi di Euro sono state completate nel trimestre, di cui la maggiore: il buyout da 2,3 miliardi di Euro di Expro, condotto da Candover.

Commentando le ultime cifre, Colin Buffin, Managing Director di Candover, dice: “Dopo un periodo poco vivace durato cinque mesi, tra ottobre e febbraio, ci sono stati cinque importanti buyout negli scorsi quattro mesi. Questo dimostra che ci sono ragioni per restare ottimisti
anche per la seconda parte dell’anno. Le condizioni di mercato restano difficili, ma il mercato del private equity ha mostrato la sua resistenza alla flessione”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Private equity, 1° quarter 2010 a quota 10,5 miliardi

NEWSLETTER
Iscriviti
X