Obbligazioni ancora fuori dai portafogli retail?

A
A
A
di Redazione 27 Aprile 2022 | 12:28

La Banca Centrale Europea (Bce) ha annunciato la fine dei suoi acquisti di obbligazioni. Tuttavia, poiché l’offerta di obbligazioni non diminuirà, in futuro saranno necessari nuovi acquirenti. Negli ultimi anni, le obbligazioni sono diventate sempre più un argomento specializzato per investitori professionali selezionati e per la BCE. Secondo Volker Schmidt, Senior Portfolio Manager di Ethenea, per gli investitori retail le obbligazioni continuano a essere poco attrattive. Anche se il tapering della Bce potrebbe cambiare le cose.

Obbligazioni sovrane a basso rendimento

Per un certo numero di anni, gli investitori istituzionali hanno dominato il mercato delle obbligazioni. “Del resto, nessun piccolo investitore può fare qualcosa con le obbligazioni a rendimento negativo”, dice Volker Schmidt. “L’investimento minimo, che di solito è di 100.000 euro, rende le obbligazioni poco interessanti per questi investitori. Al contrario, gli investitori professionali hanno continuato a comprare obbligazioni denominate in euro per una serie di ragioni. Alcuni di loro non hanno altra scelta perché i loro statuti lo richiedono, come le compagnie di assicurazione, i fondi pensione, i fondi obbligazionari puri o i fondi multi-asset con un focus sulle obbligazioni. Altri investitori usano le obbligazioni a scopo di diversificazione, copertura o come fonte di performance, infatti, solo negli ultimi cinque anni, ci sono stati due periodi di forti aumenti di prezzo delle obbligazioni denominate in euro: nel 2019 e dopo il picco della crisi Covid-19 nel marzo 2020. Nel 2019, le obbligazioni hanno registrato guadagni anche senza una domanda aggiuntiva particolarmente forte da parte della Bce, mentre nel 2020, la spinta è arrivata in gran parte dagli acquisti nell’ambito del Pepp (Pandemic Emergency Purchase Programme). Tuttavia, nel 2021 i portafogli con ampia esposizione obbligazionaria hanno registrato una perdita di poco meno del 3% e nei primi mesi del 2022 di circa l’8%”.

Alla luce di ciò, Schmidt valuta le opportunità di rendimento per gli investitori retail come piuttosto basse: “Dopo che la Bce ha segnalato un rallentamento nel ritmo degli acquisti di obbligazioni e non esclude più categoricamente rialzi dei tassi di interesse durante l’anno, i rendimenti dei titoli sovrani tedeschi a 10 anni sono aumentati significativamente. Attualmente, hanno un rendimento di circa lo 0,9% o una cedola dello 0% e un prezzo di acquisto di circa il 92%. Tuttavia, si tratta di un valore molto basso per gli standard storici e, dopo aver dedotto i costi di acquisto e le commissioni annuali di portafoglio da parte della banca depositaria, per gli investitori retail rimarrà ben poco”. In genere, il rischio contenuto basso è una priorità più alta, per gli acquirenti di obbligazioni sovrane, rispetto al rendimento atteso, quindi le possibili perdite di valore temporanee tendono a suscitare scarsa preoccupazione. Tuttavia, con alti tassi d’inflazione i rendimenti dei titoli sovrani vicini allo 0% rimangono per lo più poco attraenti per gli investitori retail”.

Obbligazioni societarie: opportunità di rendimento con potenziali lati negativi

Le obbligazioni societarie, d’altra parte, offrono di solito rendimenti significativamente più elevati, ma hanno lo svantaggio decisivo, per gli investitori retail, di richiedere un investimento minimo di 100.000 euro. In media, le obbligazioni con un rating di qualità (investment grade) e una scadenza di circa cinque anni pagano ancora un rendimento dell’1,5%. Tuttavia, questo è ancora basso anche in un confronto storico. Secondo Schmidt, una minore qualità dei titoli può essere accettata soltanto a fronte di rendimenti più alti: “Se si è disposti a fare piccole concessioni in termini di qualità dell’azienda, come per esempio maggiori spese in conto capitale o margini più bassi, allora è possibile ottenere rendimenti anche del 3%”.

Nel complesso, i rendimenti per le obbligazioni denominate in euro continueranno probabilmente a essere poco attraenti per gli investitori retail. Anche se una possibile opportunità può nascere dal tapering della Bce. “Se gli acquisti di obbligazioni saranno interrotti completamente entro l’estate, è più probabile che gli emittenti cerchino altri acquirenti e un modo per attirare gli investitori sarebbe quello di ridurre la soglia minima di investimento. Un’altra opzione sarebbe quella di reintrodurre la gestione gratuita dei titoli sovrani tedeschi, come quella offerta dalla Federal Finance Agency fino al 2013. È possibile che, in un futuro non troppo lontano, faccia ritorno la simpatica tartaruga Günther Schild, utilizzata a suo tempo per pubblicizzare i buoni del Tesoro tedeschi”, dice Schmidt. “Secondo le stime della DZ Bank, alla fine del 2021 le famiglie tedesche potevano contare su un patrimonio finanziario di 7,7 miliardi di euro: gli emittenti di obbligazioni si contenderanno questo denaro e cercheranno di strapparlo ai conti bancari che sono ancora soggetti a interessi di mora. Ed è possibile che questo aumenti la pressione sulle banche per trasferire i tassi d’interesse della banca centrale, che probabilmente aumenteranno quest’anno, ai loro clienti.”

Le preoccupazioni per l’inflazione spingono ancora gli investitori retail verso l’azionario

L’invasione russa dell’Ucraina ha causato soltanto un esodo a breve termine verso i porti sicuri e le obbligazioni sovrane. L’inflazione, che è stata ulteriormente alimentata dalla guerra, ha rafforzato significativamente la volontà della Bce di aumentare i tassi di interesse e accelerare l’uscita dai programmi di acquisto di obbligazioni. “Poiché l’aumento dei rendimenti, in un contesto di bassi tassi d’interesse, è sinonimo di perdite di valore delle obbligazioni, gli investitori hanno rapidamente disinvestito dal comparto e sono tornati alle azioni, che restano l’asset class preferita per molti investitori retail“, dice Schmidt, “e i futuri aumenti dei tassi d’interesse e gli attuali rendimenti dei bond continueranno a scoraggiare gli investitori retail dall’investire in obbligazioni. La chiave qui è mettere nella giusta prospettiva le preoccupazioni per un ulteriore calo dei prezzi, che sono del tutto giustificate. Siamo ancora lontani dalla possibilità che i rendimenti obbligazionari possano compensare l’aumento dell’inflazione e i rendimenti reali dei bond rimarranno quindi negativi”. Anche i mutui riflettono la normalizzazione della politica monetaria. I mutui ipotecari con un tasso d’interesse fisso di 10 anni hanno raggiunto un tasso d’interesse medio superiore al 2%. L’aumento dei requisiti di capitale per le banche da parte dell’autorità federale di vigilanza finanziaria della Germania (BaFin), le cosiddette riserve di capitale anticicliche, e i requisiti di capitale speciali per i mutui ipotecari che seguiranno nel 2023 consolideranno ulteriormente i bassi rendimenti.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X