Caltagirone più forte in Anima

A
A
A
di Andrea Giacobino 5 Maggio 2022 | 18:26
Il costruttore, editore e finanziere romano è salito dall’1,11% a quasi il 3,2% della holding quotata che controlla la omonima sgr.

Non solo Assicurazioni Generali (dove ha oltre il 9,5%) e Mediobanca (dov’è appena salito a quasi il 5,5%) per Francesco Gaetano Caltagirone (nella foto). Il costruttore, editore e finanziere romano è salito infatti al 3,192% di Anima Holding, che detiene la società di gestione Anima sgr: la partecipazione è in capo a Gamma srl con titolo “indiretta proprietà”. Oggi il capitale di Anima Holding vede come primo socio BancoBpm col 20,6% seguito da Poste Italiane con l’11%.

Caltagirone era comparso nel capitale di Anima Holding nell’aprile del 2020 con l’1,118%. Gamma aveva acquisito i titoli di Anima Holding il 20 marzo di quell’anno quasi ai minimi storici, pagando ogni azione 2,1 euro e sborsando quindi circa 800mila euro. Nei mesi scorsi erano circolate indiscrezioni secondo le quali Caltagirone aveva indicato a Philippe Donnet, amministratore delegato delle Generali, che Anima sgr poteva essere un’ottima occasione d’acquisto per il Leone di Trieste per crescere nell’asset management.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation, la view di Anima in una fase di cambiamento di passo dei mercati

Anima: primo trimestre in chiaroscuro

Anima: la raccolta supera gli 1,1 mld di euro da inizio 2022

NEWSLETTER
Iscriviti
X