Asset allocation, obbligazioni sostenibili: ecco le novità del mercato

A
A
A
di Redazione 26 Maggio 2022 | 16:01

“Il mercato delle obbligazioni con etichetta ESG, che comprende obbligazioni green, sociali, sostenibili e legate alla sostenibilità, si è espanso rapidamente negli ultimi anni. Solo lo scorso anno, le nuove emissioni hanno superato i 1.000 miliardi di dollari. Solo nel 2007 è stato emesso il primo green bond, e ora alcuni operatori di mercato prevedono un’emissione annuale di 5.000 miliardi di dollari entro la fine del decennio”. Ad affermarlo è David P. Loevinger, Managing Director Emerging Markets di TCW , che di seguito illustra nel dettaglio le caratteristiche di questa asset class.

Non solo sono cresciute le dimensioni dell’emissione, ma anche la diversità degli emittenti e l’innovazione delle strutture obbligazionarie. Non molto tempo fa, i green bond erano considerati strumenti del settore pubblico, con emittenti primari tra cui banche di sviluppo, sovrani e comuni, di solito provenienti dai mercati sviluppati. Oggi, gli emittenti di green bond spaziano tra i mercati sviluppati ed emergenti, nonché tra le imprese di diversi settori. Oltre ai green bond, la categoria “use of proceeds” si è ampliata fino a includere i social bond e le obbligazioni di sostenibilità, con l’uso dei proventi dei social bond destinati a obiettivi quali la riduzione delle disuguaglianze di reddito e l’aumento dell’accesso ad alloggi a prezzi accessibili. Nel 2021 i social bond sono stati utilizzati in modo massiccio per finanziare i programmi di soccorso in caso di pandemia.

Recentemente, la Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa ha raccolto 1 miliardo di euro in un social bond con proventi destinati al sostegno dei rifugiati ucraini. Le obbligazioni di sostenibilità colgono le caratteristiche dei green bond e dei social bond, destinando i fondi a progetti sia ambientali che sociali.

Mentre i bond green, sociali e di sostenibilità sono strumenti che prevedono l’uso dei proventi – cioè i fondi raccolti con l’emissione di obbligazioni sostengono direttamente progetti ambientali e sociali – le obbligazioni legate alla sostenibilità (“SLB”) consentono di utilizzare i proventi per scopi generali e di responsabilizzare gli emittenti nei confronti delle loro strategie di sostenibilità pubblicizzate. Le strutture degli SLB legano i costi di finanziamento a obiettivi di performance di sostenibilità (“SPT”) vincolati nel tempo.

Se un emittente non riesce a raggiungere gli SPT identificati, la cedola dell’obbligazione di solito “aumenta” per compensare l’investitore. Nel 2019, l’azienda energetica italiana Enel ha fatto notizia quando ha annunciato la prima emissione di obbligazioni legate alla sostenibilità al mondo con un obiettivo di performance di sostenibilità relativo all’aumento della base di energie rinnovabili nel suo mix energetico. Da tempo considerata un leader nelle emissioni ESG, la società si è impegnata pubblicamente a spostare la propria produzione energetica dai combustibili fossili al 100% di energie rinnovabili. Dal 2019, utilizza le obbligazioni legate alla sostenibilità per finanziare la propria strategia aziendale. Sebbene esistano precedenti di obiettivi di performance di sostenibilità nei contratti di prestito, la struttura SLB è diventata sempre più popolare dopo l’esempio di Enel.

Le emissioni di SLB hanno registrato un’impennata nel 2021 e sono proseguite nel 2022, per un totale di 22 miliardi di dollari (+117% su base annua) e hanno sostenuto il mercato dei GSSS (Green, Social, Sustainability and Sustainability-Linked Bond) nel primo trimestre del 2012.

Un vantaggio degli SLB è la loro capacità di sbloccare l’accesso a pool di capitali molto più ampi di quanto non possano fare le obbligazioni “use of proceeds”, perché non vincolano i fondi raccolti dalle emissioni obbligazionarie a progetti specifici né richiedono la rendicontazione o la verifica dell’utilizzo dei proventi.

Questa flessibilità consente agli emittenti meno sofisticati o a quelli dei settori più rischiosi di accedere al mercato dei bond ESG e di diversificare la propria base di investitori.

Sebbene gli SLB stiano guidando l’aumento dell’offerta di obbligazioni ESG, possono suscitare critiche da parte di investitori puristi che mettono in dubbio la buonafede delle obbligazioni in materia di sostenibilità. Poiché gli emittenti stabiliscono i propri obiettivi di performance di sostenibilità, vi è un’ampia variabilità nel livello di ambizione e di rilevanza degli SPT rispetto ai modelli di business principali degli emittenti. Quando gli SPT sono scritti in modo da essere facilmente raggiungibili o non affrontano i principali rischi di sostenibilità in un determinato modello di business, rivelano una mancanza di intenzionalità da parte dell’emittente. Gli investitori stanno diventando più esigenti nel valutare la solidità degli SPT, in particolare per quanto riguarda gli sforzi di decarbonizzazione.  Si prevede che lo slancio nello spazio SLB continuerà fino al 2022, nonostante il crescente scetticismo sulla credibilità degli SLB.

Nel primo trimestre del 2022, segnaliamo le seguenti emissioni obbligazionarie ESG, che rappresentano grandi operazioni, strutture innovative o nuovi emittenti sul mercato.

A marzo, il Cile ha emesso il primo SLB sovrano al mondo. L’emissione, del valore di 2 miliardi di dollari e con una cedola del 4,346%, è stata superata di 4,1 volte con l’investimento di numerosi fondi. II bond aderisce all’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, stabilendo che il Paese non emetta più di 95 tonnellate metriche di CO2 entro il 2030. Questo parametro è legato ai Contributi Nazionali Determinati (NDC) del Paese per la decarbonizzazione. Inoltre, l’obbligazione è legata all’obiettivo di raggiungere il 60% della produzione di energia elettrica entro il 2032.

La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BIRS) e la Banca Mondiale hanno fatto notizia a fine marzo con l’annuncio di un Bond quinquennale per lo Sviluppo Sostenibile da 150 milioni di dollari, soprannominato “Rhino Bond”. La struttura dell’obbligazione comprende un potenziale pagamento di performance da parte del Fondo Mondiale per l’Ambiente (“GEF”), finalizzato alla protezione e all’aumento delle popolazioni di rinoceronte nero in due aree protette del Sudafrica. Strutture di finanziamento creative e progetti unici di conservazione della fauna selvatica hanno attirato investitori globali, tra cui Nuveen, uno dei principali gestori fixed income per la sostenibilità negli Stati Uniti.

La società britannica di investimento e sviluppo immobiliare Segro ha emesso il suo secondo green bond con un’emissione senior unsecured green da 1,15 miliardi di euro suddivisa in due tranche. L’obbligazione ha superato di sei volte la sottoscrizione. I proventi saranno utilizzati per il finanziamento o il rifinanziamento di edifici green, trasporti puliti, energie rinnovabili, efficienza energetica, prevenzione/controllo dell’inquinamento, biodiversità terrestre e conservazione. Segro è riconosciuta come leader nel campo della sostenibilità; il suo modello di business è allineato all’Accordo di Parigi e mira a operazioni a zero emissioni entro il 2030.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X