Mercati, petrolio ancora in ascesa nonostante l’Opec

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 3 Giugno 2022 | 11:59

Quotazioni in rialzo per il petrolio Brent (ora a 87,75 dollari per barile) nonostante la decisione dell’Opec+ (che include la Russia) di accelerare il ritmo di incremento della propria produzione portandolo a 648mila barili al giorno (da 432mila) a luglio e agosto. La decisione è superiore alle attese del mercato, mentre la prossima riunione del Cartello è stata fissata al 30 giugno.

La decisione dei principali paesi produttori è arrivata nel giorno in cui gli ambasciatori dei 27 Stati dell’Unione europea hanno dato il via libera al sesto pacchetto delle sanzioni anti-russe, che include l’embargo graduale al petrolio in arrivo via mare in Europa con deroghe per il greggio trasportato via oleodotti.

L’Arabia Saudita, inizialmente fredda su un eventuale incremento della produzione, avrebbe poi accettato di cambiare posizione per raffreddare i prezzi del petrolio e riavvicinarsi con l’amministrazione Biden. Riad ha poi anche assicurato che risponderà aumentando la produzione anche nel caso in cui una crisi dell’offerta dovesse colpire il mercato petrolifero.

In questo scenario “I nostri titoli favoriti nel settore sono Eni e Galp fra le integrate e Saras nella raffinazione. Quest’ultima beneficia dello “shortage” di medi distillati in seguito alle sanzioni alla Russia”, fanno notare gli analisti di Equita.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X