Mercati, Culti: prosegue la crescita commerciale e internazionale. L’analisi

A
A
A
di Redazione 13 Giugno 2022 | 13:29

Il gruppo Culti sta portando avanti con successo il percorso di sviluppo e ribadisce la strategia di differenziazione e complementarietà dei canali nonché espansione internazionale. Percorso che ha visto una radicale evoluzione dell’azienda che ha modificato il profilo da realtà attiva nell’ambito delle fragranze per ambiente e persona, a Gruppo di società, operanti nell’ambito del  benessere per la persona, nelle sue declinazioni più estese. In tale contesto, durante l’ultimo anno, sono andate a regime sia l’acquisizione di Scent Company (giugno 2020) sia la Joint Venture Culti Milano Asia (febbraio  2021). Operazioni che hanno contribuito a conseguire un 2021 in forte crescita, con vendite, a parità di perimetro, aumentate del 36% a 21 milioni e un utile netto balzato 57% a 2,7 milioni. In questo scenario, ecco di seguito l’analisi fondamentale di Culti elaborata da Market Insight.

        1. Modello di business
        2. Ultimi avvenimenti
        3. Conto economico  
        4. Breakdown ricavi
        5. Stato patrimoniale
        6. Outlook
        7. Borsa

Modello di business

Nata nel 1990, Culti Milano, specializzata nella produzione e distribuzione di fragranze d’ambiente e cosmesi è divenuta uno dei principali player di mercato per la ricerca, la qualità delle materie prime e l’esclusività delle fragranze. I suoi prodotti sono attualmente venduti in più di 30 nazioni. 

La società ha un modello di business snello basato sulla gestione diretta dei segmenti chiave della catena del valore (ufficio stile e sviluppo del prodotto) mentre le attività produttive sono in outsourcing mediante una rete di fornitori e assemblatori esterni altamente selezionati.

Il management ha nel tempo accelerato gli investimenti retail e iniziato un processo di ampliamento dell’offerta commerciale, attraverso anche l’acquisizione del 50,01% di Bakel, società attiva nello skincare di lusso, del 51% di Scent Company, attiva nel settore del branding olfattivo e delle sanificazioni, e la costituzione della Joint Venture cinese Culti Milano Asia (60% Culti).

La società posiziona così il marchio non solo nella categoria dei diffusori per ambiente ma entra anche in quella del profumo della persona e della cosmetica, evolvendo Culti Milano da impresa di fragranze ad impresa volta al benessere della persona, in tutte le sue declinazioni: dall’ambiente (casa, auto, barca, etc.) alla persona (profumi, igiene personale, cosmesi).

Clicca qui per continuare a leggere l’analisi fondamentale di Culti elaborata da Market Insight.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X