Investimenti, attenzione: Cfa Sentiment Index al minimo storico

A
A
A
di Redazione 7 Luglio 2022 | 09:07

Gli investitori professionali italiani certificati CFA aumentano la loro negatività sulle prospettive dell’economia domestica sui prossimi sei mesi, con il “Sentiment Index” che raggiunge il valore minimo della serie storica (da gennaio 2015) su di un valore pari a -71,4.

Al sondaggio, svolto da CFA Society Italy presso i suoi soci tra il 20 ed il 30 giugno 2022, hanno partecipato 28 intervistati. Il 64% circa dei partecipanti ritiene negativa la situazione attuale dell’economia Italiana ed il 35% vede l’economia italiana in una condizione stabile.

In termini di aspettative sui prossimi sei mesi, il 7,1% degli intervistati prevede un miglioramento delle condizioni macroeconomiche (-12,2% rispetto al mese scorso), il 14,3% stima condizioni invariate (-5,1% rispetto a giugno) ed il 78,6% prevede un peggioramento (+17,3% rispetto al mese scorso). La differenza tra coloro che risultano ottimisti sulle prospettive dell’economia italiana, rispetto ai pessimisti è pari a -71,4, un valore che rappresenta il “CFA Society Italy – Radiocor Sentiment Index” per il mese di luglio 2022. Il dato scende di circa 30 punti dalla precedente rilevazione, raggiungendo il punto di minimo della serie storica pubblicata da gennaio 2015.

Peggiorano significativamente anche le view sul prossimo semestre per l’Eurozona e per gli Stati Uniti.Per la prima volta da mesi, scendono le previsioni sull’inflazione in Italia, in Eurozona e, in particolare, negli USA.

Permangono invece le previsioni per un incremento dei tassi di interesse, sia sulle scadenze a breve che a lunga della curva dei rendimenti, sebbene con in misura inferiore rispetto al mese sorso.

Si mantengono negative le previsioni sui mercati azionari del Vecchio Continente, mentre il saldo sul mercato USA vede una neutralità sull’indice.

Sulle valute i professionisti finanziari prevedono un ulteriore apprezzamento di dollaro USA e yen giapponese.

Infine, sul petrolio, la maggioranza degli intervistati propende per una previsione di un ribasso dei corsi dagli attuali livelli.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti