Asset allocation, azionario: ecco perchè è cruciale puntare sui temi di lungo periodo

A
A
A
di Redazione 12 Luglio 2022 | 15:29

L’inflazione al rialzo ha avuto un forte impatto sui mercati azionari che a giugno hanno registrato un calo marcato su tutte le principali piazze finanziarie europee. “Gli investitori temono un più forte rallentamento della crescita a livello globale nei prossimi sei mesi”. Parola di Gilles Guibout, gestore del fondo AXA WF Framlington Italy di AXA IM, che di seguito illusttra nel dettaglio la view.

A giugno l’inflazione ha continuato a sorprendere al rialzo sia in Europa che negli Stati Uniti. Hanno cominciato ad apparire i primi impatti sulla domanda dei consumatori, facendo temere un rallentamento più marcato della crescita globale nel secondo semestre. Le banche centrali hanno reiterato la loro volontà di contrastare l’inflazione attraverso significativi rialzi dei tassi d’interesse, come quello di 75 punti base da parte della Federal Reserve nel corso del mese, accrescendo il rischio di un rallentamento più importante.

Se sui mercati obbligazionari l’iniziale violento rialzo dei tassi in reazione ai dati inflazionistici è stato infine cancellato di fronte ai timori di una possibile recessione, sui mercati azionari invece il trend è stato molto più chiaro con un marcato calo in tutte le piazze finanziarie occidentali prima a causa di una compressione delle valutazioni e poi dell’anticipazione di un futuro calo dei risultati societari.

Rallentamento crescita resta la maggiore preoccupazione

Nelle prossime settimane gli investitori dovrebbero rimanere concentrati sull’evoluzione del conflitto russo-ucraino e sull’inasprimento delle politiche monetarie da parte delle banche centrali al fine di combattere livelli record di inflazione, visti i rischi che ciò comporta per la crescita economica mondiale. Questi elementi avranno un impatto significativo sull’andamento dei mercati azionari e sugli stili (value/growth).

La volatilità dovrebbe rimanere elevata in questo periodo di tensione e scarsa visibilità. Riteniamo più che mai importante mantenere una buona diversificazione del portafoglio per poter affrontare tutti gli scenari. Rimaniamo fedeli alla nostra strategia di investimento concentrandoci su società che combinano la capacità di adeguare i prezzi, visibilità e/o prospettive di crescita attraverso l’esposizione a temi di lungo periodo, nonché una solida struttura finanziaria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti