Asset allocation: occasioni tra gli auriferi

A
A
A
di Redazione 20 Luglio 2022 | 10:29

“Di tanto in tanto, sui mercati finanziari si presenta un’opportunità affascinante, che mette in luce la dicotomia tra la scienza del trading finanziario e la nostra natura umana. L’idea di acquistare qualcosa in un momento in cui non è di moda, quando il sentiment è a terra, va contro ogni nostro istinto. Tuttavia, quando si tratta di selezionare opportunità di investimento promettenti, dobbiamo imparare a gestire questi istinti, insieme ai nostri portafogli. Vediamo un’opportunità di questo tipo nelle azioni minerarie aurifere e argentifere nel terzo trimestre del 2022“. Ad affermarlo è Ned Naylor-Leyland, Head of Strategy Gold and Silver di Jupiter AM, che di seguito spiega nel dettaglio la view.

Oro e argento sono coperture monetarie, o almeno così dice la teoria

Per alcune valute questo è evidente: basta pensare ai prezzi dell’oro in Lira turca o in Real brasiliano. Quando si tratta della “valuta di riserva”, però, questo è meno ovvio e una delle domande più comuni degli investitori è: se l’inflazione è in aumento e i tassi d’interesse sono bassi, il prezzo dell’oro non dovrebbe salire? La realtà, tuttavia, è che questi due metalli vivono più nel mercato a termine dei cambi che in quello a pronti. Nel mercato a termine gli investitori presumono ancora che l’inflazione attuale si dissolverà e che tutti i rialzi dei tassi promessi arriveranno puntualmente. Si potrebbe definire una sorta di scenario perverso “anti-età dell’oro” dell’oro.

Negli ultimi due mesi i due metalli monetari hanno subito una sconfitta, in quanto la Fed ha promesso sempre più rialzi, insistendo al contempo sul fatto che l’inflazione sarebbe scesa grazie a queste mosse politiche. Le società minerarie associate di oro e argento hanno capitolato e gli investitori a lungo termine sono fuggiti.

Ora il livello del sentiment è tra i più bassi di sempre, e persino le società di qualità più elevata e gli asset di sviluppo sono scambiati a multipli di NAV inferiori a quelli di base. Le società minerarie aurifere e argentifere sono ora in calo del 50% rispetto al picco di agosto 2020 e si trovano ai livelli visti l’ultima volta quando l’oro era scambiato sotto i 1400 dollari l’oncia. Abbiamo assistito a uno dei peggiori trimestri a memoria d’uomo per questa volatile asset class, ma un grave errore politico e un conseguente cambio di rotta sembrano ormai prossimi. Quando la Fed passerà a un atteggiamento accomodante, questi titoli poco in voga dovrebbero beneficiarne. Inoltre, il prezzo dell’oro si trova ancora a breve distanza dai massimi storici, il che darebbe sicuramente il via a un vero e proprio movimento generalista verso questo comparto.

L’attuale sentiment estremamente negativo nei confronti delle società minerarie è accompagnato dalla loro estrema sensibilità ai movimenti dei prezzi spot dell’oro e dell’argento misurati in dollari. Tenendo conto di ciò, consideriamo la situazione attuale dei prezzi spot. Due osservazioni saltano all’occhio: in primo luogo, i prezzi dell’oro misurati in sterlina/euro e yen giapponese sono già entrati in una nuova fascia di negoziazione più alta e solo l’oro in dollari continua a rimanere indietro in attesa di conferma. Questo è ovviamente una funzione della forza del dollaro nei mercati dei cambi globali. In secondo luogo, e soprattutto, nell’aprile di quest’anno il prezzo dell’oro si è avvicinato al livello tecnico chiave di 2100 dollari per la terza volta dal 1980. Poiché il prezzo dell’oro è rimasto al di sotto del suo massimo corretto per l’inflazione di 2100 dollari per oltre 40 anni, dal 1980 gli investitori in oro sono gli unici che possono realisticamente affermare di non aver mai assistito a un vero e proprio mercato toro nella loro carriera di investitori. Ciò è ancora più vero per le azioni minerarie dell’oro e dell’argento, che sono sensibili al flusso e hanno bisogno di nuovi partecipanti per muoversi con forza.

La prima volta che il prezzo dell’oro ha tentato di superare il vero massimo del 1980 è stato nel 2011. Ci ha provato ancora una volta nel 2020 e per una terza volta quest’anno, prima che la Fed promettesse una valanga di rialzi dei tassi ancora incombente. La buona notizia è che né la forza del dollaro né l’apparente incapacità di superare i 2100 dollari l’oncia possono durare per sempre. Ogni asset class ha il suo momento positivo, anche le azioni minerarie dell’oro e dell’argento. Quando la Fed si renderà conto che l’aumento sostenuto dei tassi sui mercati del credito e dei consumi sta provocando un atterraggio duro, pensiamo che le azioni minerarie dell’oro (e dell’argento) rappresenteranno una delle migliori opportunità della categoria.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti