Asset allocation: obbligazionario in un territorio inesplorato

A
A
A
di Redazione 20 Luglio 2022 | 16:01

Il mondo rimane dominato dalle perturbazioni provocate dalla crisi COVID, come le interruzioni della catena di approvvigionamento, le fluttuazioni della domanda, i pacchetti di stimolo fiscale e monetario, le tensioni sui mercati del lavoro, le pressioni inflazionistiche. A ciò si aggiungono le ulteriori conseguenze della guerra in Ucraina.

In questo scenario, ecco di seguito la view di Sam Vereecke, CIO Fixed Income di DPAM.

Il crollo economico è stato inizialmente contrastato da eccessi fiscali e da un allentamento monetario a cui ha fatto seguito una stretta. E già si discute della prossima recessione. Queste grandi oscillazioni portano a tre importanti conseguenze.

In primo luogo, in questi periodi di grande volatilità e quando i parametri economici sono al di fuori del loro range abituale, rimane molto difficile fare previsioni accurate a breve termine, poiché la maggior parte dei modelli economici non sono calibrati correttamente. Ad esempio, prevedere i livelli del PIL o dell’inflazione diventa difficile.

In secondo luogo, l’incertezza è aumentata in modo significativo, in particolar modo quella relativa alla politica economica e delle imprese. Ciò complica il processo decisionale per le azioni economiche, ma ha anche un impatto negativo sugli asset rischiosi.

Infine, questi cambiamenti hanno avuto un peso fondamentale sui mercati dei tassi. Data l’inflazione eccezionalmente elevata e la risposta delle banche centrali, i tassi di interesse si sono rivalutati in modo significativo. Non esiste un modello storico ovvio su cui basare i prezzi dei tassi d’interesse. Anche un confronto con gli anni ’80 ha troppo pochi paralleli.

Pertanto, il mercato non dispone di un quadro di riferimento per la determinazione dei prezzi e si trova in un terreno inesplorato. Questo porta a una maggiore volatilità e a prezzi talvolta erratici, rendendo molto difficili le previsioni a breve termine.

Per questo motivo, nel nostro outlook obbligazionario, ci concentriamo piuttosto sulla prospettiva di medio termine, per determinare in quale direzione ci stiamo dirigendo e per stabilire quando le tendenze si stanno invertendo. In termini di prospettive creditizie, rimaniamo generalmente cauti, ma privilegiamo le obbligazioni di qualità (ad alto merito creditizio) e questo perché siamo preoccupati per la redditività delle imprese.

L’indicatore di fiducia dei CEO, un sondaggio statunitense che misura la fiducia degli amministratori delegati nell’economia nell’arco temporale di un anno, mostra una certa debolezza, che storicamente è stata collegata a flessioni economiche e a un aumento degli spread nell’alto rendimento. Anche il credito investment grade ha registrato un significativo aumento degli spread, tanto che l’allargamento nell’ultimo anno è già stato molto importante rispetto ai precedenti episodi del passato. Questo vale anche per l’high yield. Tuttavia, date le nostre caute prospettive economiche e il fatto che gli spread high yield storicamente continuano ad aumentare per periodi più lunghi, rimaniamo cauti sulle obbligazioni a più alto rendimento. Inoltre, il credito investment grade ha il potenziale sostegno della BCE, o certamente del reinvestimento delle obbligazioni in scadenza detenute dalla BCE.

Le obbligazioni convertibili si trovano in una situazione simile a quella dell’high yield. Tuttavia, poiché hanno sofferto di più, il loro basso costo le rende relativamente interessanti. Ma riteniamo che sia ancora troppo presto per rientrare. Questi spunti di riflessione sul credito fanno parte degli ingredienti che determinano le nostre opinioni sui tassi d’interesse. Abbiamo già accennato alle prospettive più deboli per le imprese. Il consumatore è colpito da una perdita di potere di acquisto a causa dell’inflazione che supera gli aumenti dei salari nominali. Di conseguenza, i consumatori stanno utilizzando i risparmi del periodo COVID rimasti e iniziano a contrarre maggiori prestiti. Questo è il tipico comportamento da fine ciclo. Le osservazioni sulle imprese e sui consumatori portano a interrogarsi sulla forza dell’attuale ciclo. I mercati stanno già valutando che le banche centrali inizieranno ad allentare la pressione entro 2-3 anni e, data l’incertezza che permane sull’inflazione, vogliamo rimanere esposti alle obbligazioni indicizzate all’inflazione e mantenere un sovrappeso in questa asset class.

L’equilibrio tra crescita più bassa e inflazione elevata è più complesso. Nel complesso, tuttavia, manteniamo una certa sottoesposizione sulla duration, poiché i tassi si sono recentemente abbassati e quindi un certo rallentamento è già scontato. Le banche centrali dei mercati emergenti hanno inasprito le condizioni finanziarie con largo anticipo rispetto ai mercati sviluppati, riportando i differenziali dei tassi reali ai livelli pre-covid. Di conseguenza, il carry è tornato a livelli interessanti, ma siamo cauti con i crediti più deboli, poiché i problemi di deficit causati dalla crisi sanitaria aggiungeranno stress.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti