Mercati, Ftse Mib: il quadro tecnico secondo delle onde di Elliott

A
A
A
di Fabio Pioli 22 Luglio 2022 | 09:31

Come si può vedere il Ftse Mib non ha reagito molto alle dimissioni di Draghi, tuttavia siamo in una fase ancora ribassista, che si evince dall’ osservare massimi decrescenti e minimi decrescenti. E l’analisi tecnica si deve concentrare sull’individuare il tipo di ribasso in cui ci troviamo. Esistono più interpretazioni. Concentriamoci sulle prime due, che presentano significati completamente diversi.

La prima interpretazione è che onda 3 di Elliott (la seconda onda di ribasso delle tre disponibili) sia finita (Figura 1).

 

Fig 1. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero

In tal caso, dopo un rimbalzo, che si chiama onda 4 e che potrebbe essere già finito o da terminare, mancherebbe all’ appello solo onda 5; dopodiché tutto il ribasso sarebbe concluso.

La seconda ipotesi, molto più penalizzante, prevederebbe che quella appena passata sia solo la prima delle sotto onde dell’onda 3 (Figura 2).

Fig 2. Future Ftse Mib 40 – Grafico giornaliero

In tal caso non solo il ribasso non sarebbe ancora finito ma la sua prosecuzione sarebbe molto severa e si protrarrebbe nel tempo.

Il fatto che tutti i massimi di Buzzi Unicem siano allineati al ribasso rende l’ analisi molto facile: se dovesse essere bucata al rialzo, in chiave settimanale, la trend line di Figura 3 allora un long con stop-loss a 15,13 sarebbe fattibile. Non prima.

Fig 3. Buzzi Unicem – Grafico settimanale

Tornando ad un grafico giornaliero, Tod’s continuerebbe probabilmente la sua discesa se dovesse rompere il supporto dinamico di 30,30. In tal caso short con stop-loss a 33,11 (Figura 4).

A cura di Fabio Pioli, trader, analista finanziario e Fondatore di CFI (www.cfionline.it)

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti