Asset allocation: ecco perchè puntare sui titoli growth di qualità

A
A
A
di Redazione 22 Luglio 2022 | 12:59

Nel dicembre 2021 l’ottimismo nei confronti del settore growth sembrava illimitato, tuttavia, nei mesi successivi il mondo degli investimenti appare molto diverso. Gli investitori si sono spostati verso i titoli value, spinti da un’impennata dell’inflazione e dei tassi d’interesse, amplificata dal conflitto Russo. La teoria suggerisce che i titoli value siano meno sensibili ai tassi d’interesse rispetto ai titoli growth, poiché l’aumento dei tassi di interesse riduce il valore attuale netto dei titoli growth a più lunga scadenza rispetto ai titoli value a più breve scadenza. “Possiamo quindi affermare che è il momento giusto per riconsiderare il segmento growth di qualità?“. A porre la domanda è Alistair Wittet, gestore azionario Europa di Comgest, che di seguito prova a fornire delle risposte.

Gli investitori non dovrebbero ignorare l’evoluzione dei flussi di cassa in un periodo di inflazione elevata e di aumento dei tassi di interesse. Gli aumenti di prezzo generano preziosi profitti per gli azionisti, troppo spesso trascurati nel dibattito sulla sensibilità dei titoli ai tassi d’interesse. Tuttavia, il potere di determinazione dei prezzi è fondamentale nella pratica.

ASML è un’azienda con un forte potere di determinazione dei prezzi. È il monopolista mondiale delle apparecchiature litografiche di ultima generazione. I suoi macchinari sono fondamentali per mantenere la legge di Moore, secondo la quale le dimensioni di un semiconduttore si riducono della metà ogni due anni. Questa miniaturizzazione è il fondamento del progresso tecnologico. Il progresso tecnologico ha un prezzo: le apparecchiature a luce ultravioletta estrema (EUV) di ultima generazione di ASML sono vendute a più di 150 milioni di dollari per macchina. La valutazione P/E di ASML è scesa da 48x a 25x in 6 mesi. Il suo valore è in gran parte immune all’inflazione grazie al suo forte potere di determinazione dei prezzi.

Un’altra società di questo tipo è Novo Nordisk, leader nel mercato globale del diabete. Il suo nuovo farmaco Wegovy è l’unico approvato dalla FDA nel nascente mercato dei farmaci per l’obesità, un’opportunità di mercato da 40 miliardi di dollari. Può essere un farmaco salvavita, soprattutto in tempi di crisi. La vendita di questi farmaci non è quindi una questione di prezzo.

Non siamo quindi d’accordo con l’idea che i titoli growth debbano essere evitati unilateralmente in tempi di aumento dei tassi d’interesse. A nostro avviso è molto meglio possedere un titolo growth a lunga duration con potere di determinazione dei prezzi rispetto a un titolo value a breve duration senza pricing power nel periodo attuale.

Un’altra caratteristica comune dei titoli value è la loro elevata sensibilità al ciclo economico. Quasi la metà dell’indice MSCI Europe Value, ad esempio, è composta da titoli finanziari, energetici e di materie prime. L’ingresso in un contesto stagflattivo potrebbe non essere il momento migliore per prendere in considerazione questo tipo di titoli. Il principale settore value europeo, quello finanziario, sta già mostrando segni di stanchezza. I titoli finanziari europei sono i peggiori in termini di revisione degli utili e di crescita per il 2022. Le stime sugli utili per il 2022 sono state riviste al ribasso del 9% negli ultimi 3 mesi, lasciando il settore con un calo atteso degli utili per l’anno del 14%. L’aumento dei tassi d’interesse è un gradito sostegno per molte banche, ma la qualità del credito potrebbe deteriorarsi a causa dell’indebolimento delle prospettive economiche.

Per il momento, i titoli energetici e quelli legati alle materie prime sono gli ultimi capisaldi rimasti nel segmento value in Europa. Per quanto deplorevole, la guerra in Ucraina ha creato un ambiente favorevole per il rialzo dei prezzi, dal petrolio e gas ai fertilizzanti e alle soft commodity. Gli investitori del mercato azionario dicono che “i mercati politici hanno le gambe corte”. Resta da vedere quanto sarà sostenibile questo rally delle materie prime.

In sintesi, siamo convinti che gli investitori a lungo termine ottengano un buon valore al giusto prezzo investendo oggi in titoli growth di qualità. La correzione delle valutazioni è stata breve e netta per quelle società che sanno come affrontare l’inflazione e continuare a crescere anche in un contesto di bassa crescita.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti