Investimenti e recessione: i risultati del sondaggio di Natixis IM

A
A
A
di Redazione 25 Luglio 2022 | 14:01

Dall’ultimo Strategist Survey di Natixis Investment Managers, condotto coinvolgendo 34 esperti, emerge che quasi un quarto (24%) degli strategist ritiene che la recessione sia inevitabile; un altro 64% la vede ormai come un’evidente possibilità nei prossimi sei mesi.

Il sondaggio mostra inoltre che nove strategist su dieci ritengono la politica delle Banche centrali sia il principale driver di mercato nel prossimo semestre.

In aggiunta dal sondaggio risulta che i tre principali driver d’inflazione sono: i prezzi dell’energia (76%), dei prodotti alimentari (64%) e gli aumenti salariali (61%).

Quasi sei su intervistati su dieci (58%) ritengono poi che il value continuerà a fare meglio del growth per almeno qualche altro mese, mentre quasi un quarto (24%) ritiene che la sovraperformance del value andrà avanti per qualche altro anno.

“Dieci anni di eccessiva dipendenza dal cosiddetto denaro facile hanno portato ad una significativa sovraperformance dei titoli growth. Ma tutto ciò è ormai finito per il prossimo futuro. Il principale driver di mercato alla fine del 2022 saranno le Banche centrali ed il contenimento dell’inflazione per ridurre il costo del capitale a lungo termine”, ha dichiarato Katy Kaminski, Chief Research Strategist e Portfolio Manager di AlphaSimplex Group LLC.

L’inflazione è il principale rischio di mercato

Le principali ipotesi di mercato relative a tassi bassi, inflazione contenuta e volatilità ridotta possono aver sostenuto la performance del mercato per oltre un decennio, ma dall’inizio dell’anno questa straordinaria confluenza di fattori è venuta meno. Il catalizzatore di questo cambiamento è da ricondurre il larga parte
alll’inflazione. Infatti, sette intervistati su dieci indicano proprio nell’inflazione il principale rischio di mercato per il secondo semestre. Anche se si è leggermente attenuata rispetto ai suoi massimi, il 36% degli intervistati si spinge fino a fissare il livello di rischio dovuto all’inflazione addirittura a 10 su 10. Anche le Banche centrali ricprono un ruolo importante: il 52% ritiene che le loro decisioni politiche siano un fattore chiave per l’inflazione. Un altro 46% ritiene inoltre che i problemi della catena di approvvigionamento, che hanno contribuito a spingere l’inflazione all’inizio della pandemia, continueranno a farlo fino alla fine dell’anno. Tuttavia, meno di uno su quattro degli intervisati ritiene che l’inflazione rimarrà persistentemente alta.

La recessione è una possibilità concreta, se non inevitabile

Di fronte alle prospettive di aumento dei tassi d’interesse e di inasprimento della politica monetaria, gli strategist collocano la recessione al secondo posto nella lista dei propri timori, con il 64% che la classifica come rischio principale. La sfera della politica ha a disposizione molti strumenti per affrontare l’inflazione e, data la sfida di trovare il giusto tempismo per l’attuazione delle differenti politiche, il margine di errore è ridotto. Per molti resta da capire se questi sforzi riusciranno a contrastare l’inflazione, ad innescare una recessione che potrebbe durare due o tre trimestri o a provocare una stagflazione che potrebbe andare avanti per anni. Con tutti i possibili esiti all’orizzonte, non c’è da stupirsi se più della metà (55%) degli intervistati cita tra i prinicipali rischi un errore da parte della Banca centrale.

“La parola recessione getta una lunga ombra sui mercati, ma per certi versi l’unico modo per uscire da questo contesto inflazionistico è che le Banche centrali inneschino una fase recessiva. A quel punto usciremo dello shock inflazionistico ed i mercati potrebbero rimbalzare”, ha dichiarato Mabrouk Chetouane, Head of Global Market Strategy, Natixis Investment Managers Solutions.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti