Asset allocation: l’outlook per il secondo semestre di Nuveen

A
A
A
di Redazione 28 Luglio 2022 | 14:01

Ecco di seguito l’outlook semestrale per asset class di Nuveen.

Titoli azionari

Abbiamo una posizione neutrale nei confronti delle azioni. Considerato il numero di rischi (aumento dei tassi d’interesse, inasprimento della politica monetaria, rallentamento della crescita economica e problemi geopolitici in corso), non vediamo ancora un segnale di “via libera”.

Tuttavia, non siamo neutrali su tutto. Data la loro natura più difensiva e il migliore potenziale di crescita, preferiamo le azioni statunitensi rispetto ai titoli dei mercati sviluppati ed emergenti non statunitensi. Agli investitori con una maggiore tolleranza al rischio nel breve termine consigliamo anche le azioni dell’America Latina, che offrono un solido valore relativo e buone prospettive di crescita.

Siamo focalizzati anche sui titoli con dividendi in crescita. Quest’area del mercato dovrebbe essere relativamente protetta dalla volatilità e potrebbe trarre benefici relativi da un contesto di tassi in rialzo. Dal punto di vista dello stile, vediamo opportunità sia nel settore growth che in quello value, a seconda di dove individuiamo i migliori compromessi rischio/rendimento. Il settore che prediligiamo è quello dell’energia, che dovrebbe essere stimolato dall’aumento della domanda e dalle limitazioni dell’offerta.

Il flusso di transazioni nel private equity è più lento rispetto allo scorso anno, ma continuiamo a vedere nicchie di opportunità, in particolare in settori più difensivi come quello dell’healthcare.

Opportunità: 1) Large cap statunitensi, in particolare di società in crescita, in grado di incrementare gli utili operativi e di beneficiare di forti flussi di cassa, e 2) società energetiche in grado di capitalizzare le dinamiche di domanda e offerta.

Reddito fisso

I mercati del reddito fisso sono stati duramente colpiti nella prima metà dell’anno. Ma riteniamo che la gran parte delle cattive notizie sia ormai stata prezzata. I mercati obbligazionari prevedono un rallentamento dell’economia e forse anche una lieve recessione. Per i titoli obbligazionari dovrebbe essere sufficiente che non si verifichi un peggioramento delle condizioni economiche e inflazionistiche. Non c’è bisogno di nuovi catalizzatori; una semplice stabilità da qui in poi per il reddito fisso dovrebbe bastare.

Siamo a favore di una duration più breve, ma stiamo moderando tale posizione a fronte di rendimenti in continuo aumento. Nel complesso, riteniamo che il rischio di credito sia la scelta migliore. I fondamentali del credito sono solidi (in particolare per i titoli ad alto rendimento), e non prevediamo un’impennata significativa dei default, nemmeno in caso di recessione.

Questo vale in particolare per l’high yield. Con rendimenti medi superiori all’8%, il settore offre di fatto un rendimento elevato. E lo spread si è ampliato al punto che l’high yield offre una potenziale protezione. I fondamentali del credito sembrano abbastanza solidi da poter resistere a un rallentamento dell’economia. Finché questo non si verifica, o se non si verifica proprio, gli investitori possono beneficiare del taglio delle cedole attuali.

I mercati del credito privato potrebbero trovarsi sotto pressione, poiché non sono ancora riusciti a reagire al rallentamento della crescita e all’aumento dell’inflazione. Ma vediamo opportunità in aree fortemente regolamentate e controllate, come i prestiti del mercato medio.

Opportunità: Nel breve termine, vediamo un valore nei prestiti a leva, considerati i solidi fondamentali e l’aggressivo innalzamento dei tassi. Sul lungo termine, i titoli ad alto rendimento offrono rendimenti notevoli e solidi fondamentali di credito. Riteniamo che entrambe le aree dovrebbero essere in grado di far fronte a un rallentamento della crescita e persino a una lieve recessione.

Municipal bonds

I municipal bond sono stati ingiustamente penalizzati nella prima metà dell’anno. Il calo è stato determinato da questioni macro (soprattutto dall’aumento dei tassi) piuttosto che dai fondamentali, che rimangono solidi. Il gettito fiscale statale e locale sembra godere di buona salute, i fondi di riserva e i saldi pensionistici sono solidi e la maggior parte dei settori sta ricevendo aggiornamenti dei rating positivi.

Sia i municipal bond investment grade che quelli high yield offrono un valore interessante. Se i tassi d’interesse si stabilizzeranno, riteniamo che i municipal bond potrebbero essere pronti a un balzo nella seconda metà del 2022.

Riteniamo sensato puntare sia sulla duration che sul rischio di credito per cercare di ottenere rendimenti interessanti. La curva dei rendimenti dei municipal bond è più ripida di quella dei Treasury e i crediti a basso rating presentano opportunità grazie ai fondamentali e ai prezzi scontati.

In generale, preferiamo i titoli obbligazionari sostenuti dalle imposte sulla proprietà e vediamo un valore nei settori dell’energia e della generazione di elettricità.

Opportunità: In un prospettiva nazionale, vediamo il miglior valore nelle obbligazioni di lunga durata, a bassa cedola e di fascia alta in California e a New York. Siamo inoltre orientati verso le obbligazioni high yield specifiche per progetti del settore dei trasporti e del retail.

Immobilare

La situazione del real estate privato non è cambiata, ma riconosciamo che i rischi nel breve termine stanno aumentando. Il real estate è cresciuto molto negli ultimi anni e ha scontato solo in misura limitata gli effetti dell’aumento dell’inflazione e dell’inasprimento della politica monetaria.

Oggi il nostro tema d’investimento chiave è puntare maggiormente sul debito real estate rispetto alle azioni. Con il rialzo dei tassi e dello spread, le prospettive di rendimento rimangono solide e riteniamo che i mercati del debito possano sovraperformare rispetto ai titoli azionari del settore immobiliare nel breve termine.

Da un punto di vista settoriale, prediligiamo il settore del residenziale in locazione, dato che il costo di proprietà è aumentato notevolmente quest’anno. Puntiamo sul residenziale a prezzi accessibili in tutti gli Stati Uniti. Anche il settore immobiliare legato alla sanità sembra interessante, data la sua natura di servizio essenziale e perché rappresenta una quota crescente dell’attività economica globale.

Confermiamo la validità del tema delle “città globali”, poiché riteniamo che alcune città siano demograficamente e strutturalmente più interessanti. Ad esempio, nonostante le prospettive incerte per il settore degli uffici, gli edifici per uffici del centro di Miami sono proposti con canoni di affitto storicamente elevati, a dispetto della volatilità del mercato.

Opportunità: Siamo concentrati su aree di mercato difensive, sostenute da forti trend strutturali, come il residenziale in affitto e le strutture per anziani negli Stati Uniti, gli alloggi per studenti in Europa e Australia e i centri commerciali discount in Cina.

Asset reali

Per gli asset reali preferiamo un posizionamento più difensivo. Il rallentamento della crescita economica globale e il peggioramento del sentiment potrebbero rappresentare dei fattori sfavorevoli per i settori più ciclici. Inoltre, riteniamo che gli effetti tardivi dell’aumento dell’inflazione e dei tassi d’interesse non siano ancora stati pienamente valutati dai mercati privati.

Abbiamo una posizione neutrale nei confronti del real estate pubblico, ma il calo dei prezzi ha creato nicchie di opportunità. Il real estate industriale mostra fondamentali interessanti e riteniamo che la contrazione in quest’area sia stata eccessiva. Troviamo interessanti anche le residenze per anziani, perché la ripresa di questo settore è in ritardo e dovrebbe beneficiare dei trend demografici di lungo termine.

Le infrastrutture pubbliche offrono opportunità più ampie. Le utilities regolamentate negli Stati Uniti dovrebbero resistere bene in un contesto di rallentamento della crescita economica. E le infrastrutture legate allo smaltimento dei rifiuti hanno un pricing power tale da poter scaricare sui clienti l’aumento dei costi dovuto all’inflazione.

Abbiamo una visione più cauta per quanto riguarda gli asset immobiliari privati, in particolare le infrastrutture, sulla base della rivalutazione dei prezzi sui mercati pubblici, che ha anticipato quella dei mercati privati. Tuttavia rimangono buone opportunità di investimento, soprattutto nei casi in cui è possibile scaricare gli aumenti di prezzo. Alcuni esempi sono i terreni agricoli e le aziende agroalimentari, che beneficiano dell’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, gli investimenti in legname, che sono in grado di capitalizzare la crescente domanda di abitazioni, e gli investimenti in infrastrutture con facoltà di determinare i prezzi.

Gli investimenti nelle energie rinnovabili e nella transizione energetica nel settore degli asset reali privati dovrebbe continuare a godere di una situazione favorevole nel breve e nel lungo termine. Nel breve termine, a livello globale preferiamo l’energia solare e l’eolico offshore. Vediamo anche opportunità nei carburanti per il trasporto a basse emissioni, in particolare nel diesel rinnovabile, quindi nei mercati dei semi oleosi.

Opportunità: Nel real estate pubblico, abbiamo una visione positiva per quanto riguarda il settore residenziale, agli alloggi per anziani e le strutture industriali, mentre tra le infrastrutture pubbliche apprezziamo le infrastrutture legate ai rifiuti e all’energia. Tra i real asset privati, privilegiamo gli investimenti in linea con la transizione climatica, come quelli relativi al sequestro del carbonio, all’energia pulita, ai combustibili rinnovabili e alla continua e forte domanda globale di alimenti sani.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti