Mercati, come disinnescare le “bombe di carbonio”

A
A
A
di Redazione 2 Agosto 2022 | 10:43

A cura di Michael Lewis, Head of Research ESG

In tempi difficili, la politica e la sostenibilità possono essere compagni di letto scomodi. Basti pensare all’annuncio della Commissione Europea di classificare il gas naturale e il nucleare come alternative verdi. Una vittima degli sforzi europei per ridurre la dipendenza dal gas naturale russo sono stati gli impegni climatici a breve termine che sono stati abbandonati con l’abolizione delle restrizioni sulla combustione del carbone in paesi come Germania, Austria e Paesi Bassi.

Ma quando si tratterà di disinnescare le cosiddette “bombe di carbonio”, sarà necessario che la geopolitica faccia valere il proprio peso. Il nostro grafico della settimana si basa su uno studio accademico recente [3] che rivela la posizione dei più grandi progetti di combustibili fossili al mondo. Queste 425 “bombe di carbonio”, come le chiamano gli autori dello studio, sono i siti di estrazione di petrolio, gas e carbone già in funzione o proposti a livello globale, dove le emissioni potenziali di CO2 superano un gigatone (Gt) – se le riserve della miniera di carbone o del giacimento di petrolio in questione fossero completamente estratte e bruciate. Complessivamente, le emissioni potenziali di CO2 di questi progetti sono stimate in circa 1.182 Gt di CO2, ovvero il doppio di quelle consentite nello scenario di riscaldamento di 1,5°C. Con la proliferazione degli impegni net zero a livello nazionale e aziendale, quali di questi progetti potrebbero essere fermati e come?

Potenziali emissioni di anidride carbonica da progetti di estrazione di combustibili fossili esistenti o pianificati per paese

È qui che crediamo entri in gioco la geopolitica. È sorprendente che 10 Paesi con più di 10 bombe di carbonio rappresentino i tre quarti dell’universo potenziale delle emissioni. Del totale, circa il 40% non ha ancora iniziato l’estrazione. Una tale concentrazione di progetti è l’occasione ideale per un forte impegno da parte degli investitori, che potrebbero avviare un dibattito serio sulla riduzione della spesa per i combustibili fossili, sull’accelerazione della transizione a basse emissioni di carbonio o semplicemente sulla restituzione del capitale agli azionisti. Tuttavia, quasi due terzi di questi progetti si trovano in Cina, Russia, Medio Oriente e Nord Africa e sono in genere gestiti da società statali. I progetti delle società di combustibili fossili quotate in borsa che operano negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in India rappresentano non più di un quinto delle potenziali emissioni di CO2.

Un innalzamento dei prezzi del carbonio, magari combinato con dei meccanismi di aggiustamento alle frontiere, sembra essere una strada più promettente. Come proposto dal FMI [4] l’anno scorso, questo potrebbe avvenire sotto forma di un prezzo minimo del carbonio per i principali Paesi emettitori, in particolare nei mercati emergenti. Quasi 100 Paesi, che coprono il 58% delle emissioni globali, hanno già dichiarato che i sistemi di scambio di quote di carbonio saranno un pilastro fondamentale delle politiche climatiche nazionali “net zero” [5]. Un consenso così ampio dovrebbe essere utile, anche per esercitare una pressione politica internazionale sui ritardatari. Affinché ciò sia efficace e credibile, tuttavia, riteniamo che anche i Paesi occidentali che hanno emesso in passato debbano fare meglio, anche in tempi di crisi geopolitica.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti