Mercati, il weekly market outlook di Columbia Threadneedle Investments

A
A
A
di Redazione 9 Agosto 2022 | 11:00

Weekly market outlook a cura di Steven Bell, Chief Economist di Columbia Threadneedle Investments

I tassi di interesse sono in rialzo e stiamo andando verso la recessione negli Stati Uniti e in Europa. Negli Stati Uniti, le pressioni sulla domanda interna sono così forti che la Federal Reserve dovrà prevedere una recessione per riportare l’inflazione al suo livello target. L’inflazione è forte e in accelerazione in due aree chiave: affitti e salari.

L’indice PMI (Purchasing Managers Index) della scorsa settimana è crollato ed è in territorio di contrazione, ci sono segnali di rallentamento del mercato del lavoro statunitense. Ma l’allentamento arriva da livelli molto elevati. Ci aspettiamo un altro rialzo dei tassi di 75 punti base da parte della Fed, con la promessa che ne arriveranno altri. Il mercato pensa che siamo vicini alla fine del ciclo di rialzi e sta prezzando tagli dei tassi nel 2023. Ritengo, tuttavia, che i tassi dovranno salire più di quanto il mercato si aspetti.

Le ragioni della recessione sono diverse in Europa. Le fonti interne di inflazione sono meno forti. Nell’area euro, l’inflazione salariale è ancora ampiamente in linea con l’inflazione target del 2% fissata dalla BCE e molte aziende stanno effettuando pagamenti una tantum ai lavoratori – pagamenti che sarà più facile ridurre l’anno prossimo, quando le condizioni saranno probabilmente molto più difficili. La recessione in Europa è molto più legata alla crisi del costo della vita e ai rincari del prezzo del gas.

L’entità dell’aumento dei prezzi lascia senza fiato. Guardando al mercato dei futures per il gas, per il prossimo inverno i prezzi sono 8 o 9 volte superiori ai livelli pre-covid. Si tratta di un aumento impressionante. Per contestualizzare il dato, se il petrolio avesse subito lo stesso aumento, avremmo avuto prezzi di 500-600 dollari al barile. Tutto ciò è legato al gas proveniente dalla Russia. Il Regno Unito riceve poco gas dalla Russia e quindi è meno esposto al rischio di interruzione delle forniture.  Ma paga più o meno lo stesso prezzo per il gas. I consumatori di questo Paese e del resto d’Europa dovranno far fronte a un forte aumento delle bollette energetiche quest’inverno.

Cosa significa tutto questo per i mercati? In tutte le recessioni dal dopoguerra, i titoli azionari statunitensi sono scesi per diversi mesi dopo l’inizio della recessione. E questa non è ancora iniziata. La buona notizia, in una prospettiva di medio termine, è che i titoli azionari si sono sempre ripresi mesi prima della fine della recessione. Inoltre, il forte calo delle azioni di quest’anno si è verificato in un contesto di utili consistenti, per cui le valutazioni sono migliorate in modo significativo.

Ritengo che la recessione statunitense sarà breve: una volta che la disoccupazione inizierà a salire, l’inflazione salariale statunitense si ridurrà rapidamente, questa è la lezione acquisita dalle precedenti recessioni statunitensi. E le economie moderne hanno dimostrato una grande capacità di adattamento. Guardando più lontano, è probabile che le azioni offrano ancora rendimenti superiori, anche se più volatili. Certo, l’immediato futuro sembra difficile, ma la convenienza a lungo termine degli asset di rischio rimane.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti