Mercati, l’inflazione spinge il reddito fisso

A
A
A
di Redazione 12 Agosto 2022 | 10:23

A cura di George Curtis, Portfolio Manager di Vontobel

 

I mercati hanno tirato un sospiro di sollievo mercoledì, quando i dati sull’inflazione statunitense sono risultati inferiori alle aspettative per la prima volta quest’anno. L’indice dei prezzi al consumo (CPI) è salito dell’8,5% su base annua a luglio, in calo rispetto al 9,1% di giugno, mentre il dato mensile (mom) è risultato leggermente negativo (-0,02%) e ha rappresentato la più grande perdita rispetto al consenso in più di cinque anni, dato che gli economisti si aspettavano un dato mom dello 0,2%.

 

Sebbene ci aspettassimo in gran parte un dato più basso per il titolo, dato il calo delle materie prime registrato nel corso del mese di luglio, siamo stati lieti di vedere che le pressioni sui prezzi si sono attenuate nell’IPC core, che esclude i prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia. In parte ciò è stato determinato da componenti insostenibilmente elevate, come le tariffe aeree (in particolare con l’avvicinarsi della fine dell’estate) e le auto usate, ma abbiamo anche assistito a un certo ammorbidimento in misure come l’edilizia abitativa, dove gli affitti equivalenti ai proprietari hanno registrato una crescita mensile dello 0,6% rispetto allo 0,7% del mese precedente.

 

Questo non significa che la Fed abbia già vinto la sua guerra all’inflazione. Se da un lato c’è ancora una volta la speranza che l’inflazione abbia raggiunto il suo picco, dall’altro è più importante dove l’inflazione finisca, per cui non ci ha sorpreso vedere i membri della Fed uscire rapidamente dopo il rapporto per temperare qualsiasi reazione troppo entusiastica del mercato. I membri della Fed sono ovviamente obbligati a farlo, poiché un allentamento delle condizioni finanziarie proprio quando l’inflazione inizia a scendere non è ciò di cui hanno bisogno nella loro battaglia per anticipare la curva e far scendere l’inflazione al loro obiettivo del 2% – e in questo senso hanno una lunga strada da percorrere. Dobbiamo anche ricordare che in passato i mercati hanno già chiamato il picco dell’inflazione, e non è andata molto bene.

 

Tuttavia, sembra che le azioni intraprese dalla Fed nel corso degli ultimi nove mesi stiano iniziando a manifestarsi nei dati, e questa è una tendenza che ci aspettiamo continui nella seconda metà di quest’anno. Detto questo, i fattori esterni potrebbero ancora sorprendere al rialzo anche se il lato della domanda dell’equazione è indebolito.

 

Ciononostante, il calo dell’inflazione è una buona notizia e i dati sono stati accolti con entusiasmo, con mercati azionari e creditizi in forte rialzo sia in Europa che negli Stati Uniti. Metteremmo in guardia da qualsiasi “esuberanza irrazionale” dopo un solo dato sull’inflazione, ma vista la forte stagione degli utili a cui abbiamo appena assistito, un altro rapporto molto positivo sui salari di venerdì scorso, un tasso di insolvenza che rimane vicino ai minimi storici e ora forse un picco dell’inflazione alle spalle, i mercati possono essere perdonati per aver apprezzato i dati migliori.

 

Con i mercati del credito che finalmente registrano flussi positivi, non saremmo sorpresi di vedere i mercati irrigidirsi per il resto dell’estate.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti