Asset allocation, bond: emittenti con rating BBB ancora a rischio ribassi

A
A
A
di Redazione 19 Agosto 2022 | 15:01

Dal più recente report di S&P Global Ratings che analizza l’outlook degli emittenti con rating BBB nell’area EMEA e negli Stati Uniti emerge come il debito associato al downgrade dei fallen angels aumenterà nei prossimi 12 mesi a 110 miliardi di dollari (vicino alla media degli ultimi 10 anni) e potrebbe salire fino a 176 miliardi di dollari nello scenario pessimistico.

In aggiunta, lo studio evidenzia come la volatilità dei mercati e l’aggressiva stretta monetaria abbiano portato le obbligazioni con rating “BBB” a un brusco calo di oltre il 10% a livello di rendimenti complessivi negli Stati Uniti e nell’Eurozona nella prima metà del 2022.

L’aumento dell’inflazione sta mettendo quindi a dura prova i settori legati ai consumi negli Stati Uniti, mentre l’interruzione delle forniture di gas russo sta colpendo i settori dell’area EMEA.

Nonostante le sfide, l’orientamento positivo dei rating forward-looking rimane sostanzialmente negativo, in quanto i settori più colpiti dalla pandemia godono di una ripresa della domanda dei consumatori e le società energetiche e minerarie beneficiano degli elevati prezzi delle materie prime.

Con l’aumento delle sfide macroeconomiche e geopolitiche, lo slancio positivo dei rating è rallentato, raggiungendo probabilmente un punto di inflessione, in quanto gli emittenti con rating “BBB” devono affrontare maggiori rischi di ribasso.

 

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti