Investimenti e il problema del crollo del mercato immobilare cinese

A
A
A
di Redazione 22 Agosto 2022 | 15:01

Qualche mese fa ho scritto che il rallentamento cinese è stato molto più che legato al covid e ho indicato le sfide derivanti dall’eccessivo peso del settore immobiliare nell’economia. Un documento di ricerca di Rogoff e Yang ha stimato che il settore immobiliare costituisce il 29% del PIL cinese. I problemi derivanti dal lento deterioramento del settore immobiliare si sono estesi alle sfide finanziarie dei governi locali cinesi e possono creare un problema fiscale rilevante per i conti pubblici della nazione.

Secondo China Real Estate Information, le vendite dei maggiori promotori immobiliari cinesi sono diminuite del 43% a giugno rispetto all’anno precedente, creando un allarmante deficit di finanziamento per i governi locali, dove le finanze dipendono fortemente dai ricavi della vendita di terreni e un problema significativo per il settore finanziario e il governo. La banca centrale cinese ha promesso di mobilitare un salvataggio di 148 miliardi di dollari per completare progetti immobiliari incompiuti mentre la rabbia aumenta tra gli acquirenti di proprietà che non hanno ricevuto la loro casa dopo aver anticipato pagamenti significativi.

La dimensione del settore immobiliare nell’economia è enorme e l’impatto sul prodotto interno lordo di un calo delle vendite potrebbe essere impossibile da compensare con altri settori. Secondo S&P Global, quest’anno le vendite immobiliari in Cina caleranno probabilmente di circa il 30% a causa del numero crescente di sospensioni del pagamento dei mutui da parte degli acquirenti di case. Questo potrebbe essere peggio rispetto al 2008, quando le vendite sono diminuite di circa il 20%, secondo Esther Liu di S&P Global Ratings.

Non esiste un settore in Cina in grado di mitigare l’impatto di un tale calo delle entrate e della produzione fiscale.

Ci sono implicazioni rilevanti per molti settori e per le famiglie. Gli sviluppatori immobiliari erano i maggiori emittenti di commercial paper in Cina e milioni di risparmiatori hanno investito in obbligazioni e strumenti di debito di promotori immobiliari per generare rendimenti stabili e sicuri. Molti di questi sono inadempienti.

Secondo la banca ANZ, le insolvenze delle obbligazioni cinesi hanno raggiunto i 20 miliardi di dollari nel 2022, più del doppio del totale dell’anno scorso. Su diciannove inadempienze registrate, diciotto provengono da promotori immobiliari.

Il settore immobiliare è anche un importante motore dell’attività economica nei servizi e in altri settori manifatturieri. Il crollo di molti sviluppatori sta generando effetti a catena in tutti i settori che prosperano dall’edilizia e dall’attività incentivata dal settore immobiliare.

Per gli investitori a livello globale questo è in gran parte un problema interno e molti si aspettano che il governo lo contenga attraverso una serie di salvataggi e iniezioni di liquidità al settore finanziario per prevenire una stretta creditizia. Dal punto di vista finanziario questo può essere corretto, ma non c’è modo per il governo cinese di prevenire le implicazioni macroeconomiche derivanti dallo scoppio di una bolla di così enorme portata. La crescita del PIL cinese (prodotto interno lordo) è rallentata solo allo 0,4% nel secondo trimestre e la disoccupazione giovanile sta salendo a nuovi massimi.

Il governo cinese può contenere le implicazioni finanziarie della crisi immobiliare, ma per farlo dovrà abbandonare l’obiettivo di crescita del PIL del 5,5% per il 2022 e probabilmente ridurre l’obiettivo del 2023 a una cifra molto più contenuta. Da anni il governo è preoccupato per l’aumento del livello di indebitamento dell’economia cinese e l’elevato peso del settore immobiliare, ma sembrava aspettarsi una crescita e il miglioramento della cosiddetta “new economy” per mascherare il problema.

Molti analisti internazionali si aspettavano che la Cina fosse la prima economia a dimostrare di poter navigare in una bolla immobiliare sgonfiandola attraverso la pianificazione centrale. C’erano troppe speranze legate alla pianificazione centrale e troppa poca attenzione alla portata del problema.

Ora è evidente che non c’è settore che possa diluire l’effetto di una bolla immobiliare scoppiata. Anche se la sfida finanziaria viene affrontata attraverso salvataggi e iniezioni di liquidità, l’impatto dovrà manifestarsi nella valuta, nell’inflazione, nella disoccupazione, nella crescita, o tutto allo stesso tempo. Molti credono che la soluzione più semplice sia deprezzare lo yuan, ma la banca centrale sa che non è così facile, poiché l’inflazione deteriorerebbe gli standard di vita di una popolazione già scontenta e la svalutazione distruggerebbe il potere d’acquisto dei salari reali e il valore del risparmio.

Se possiamo imparare qualcosa da questo crollo immobiliare è che la crescita gonfiata con una bolla immobiliare pianificata a livello centrale non porta mai a una soluzione facile e gestibile. Il governo cinese può contenere le implicazioni finanziarie della crisi immobiliare, ma per farlo dovrà abbandonare l’obiettivo di crescita del PIL del 5,5% per il 2022 e probabilmente ridurre l’obiettivo del 2023 a una cifra molto più contenuta. Da anni il governo è preoccupato per l’aumento del livello di indebitamento dell’economia cinese e l’elevato peso del settore immobiliare, ma sembrava aspettarsi una crescita e il miglioramento della cosiddetta “new economy” per mascherare il problema.

A cura di Daniel Lacall, Chief Economist presso Tressis

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti