Mercati, Powersoft: i nuovi scenari macro condizionano le aspettative di breve

A
A
A
di Redazione 7 Settembre 2022 | 12:01

Powersoft archivia un 2021 con ricavi in crescita del 12,8% a 33,3 milioni e un utile netto di 2,3 milioni (+30,1%). il management teme però che il contesto di mercato possa influenzare negativamente la performance di gruppo, in relazione ad una riduzione degli investimenti e alla carenza di taluni componenti elettronici, fra cui le schede elettroniche, semilavorati, componenti elettronici ad alta potenza, di difficile sostituzione in tempi brevi. Ecco di seguito l’analisi fondamentale su Powersoft elaborata da Market Insight.

        1. Modello di Business
        2. Ultimi avvenimenti
        3. Conto Economico
        4. Breakdown Ricavi
        5. Stato Patrimoniale
        6. Outlook

Modello di Business

Powersoft, leader tecnologico a livello mondiale negli amplificatori compatti energicamente efficienti e di alta potenza per il settore audio professionale, è presente in oltre 80 paesi attraverso una rete capillare di distributori e centri di assistenza tecnica certificati ed autorizzati. La commercializzazione e assistenza tecnica sul mercato statunitense avviene invece attraverso la controllata nordamericana.

Il Gruppo opera nel mercato dell’audio professionale, offrendo quattro specifiche linee di prodotto: moduli di amplificazione, amplificatori da rack per touring e installazioni fisse, trasduttori e unità multimediali.

Fa inoltre parte del gruppo IdeoFarm, un acceleratore d’idee dedicato a supportare nuovi progetti e ha molti ambiti tecnologici d’interesse, tra cui: la meccatronica, l’elettroacustica, i materiali innovativi, i software per sistemi complessi.

Ultimi avvenimenti

A luglio Powersoft ha siglato un importante accordo con Christie per la fornitura di una gamma di amplificatori professionali di fascia alta, che rafforzano gli altoparlanti Vive Audio di Christie. Le piattaforme di amplificazione Duecanali e Quattrocanali offrono una eccellente qualità audio e completano gli altoparlanti cinematografici di Vive Audio grazie ai più recenti progressi nella tecnologia a commutazione in classe D e nell’elaborazione dell’audio. Inoltre, offrono numerosi vantaggi tra cui la tecnologia Smart Rail Management che aiuta a ridurre il consumo energetico.

Christie continuerà a produrre la sua gamma di altoparlanti Vive Audio per applicazioni audio cinematografiche, compresi gli altoparlanti Serie LA, Serie LS e i suoi subwoofer Serie S. La linea di prodotti Vive Audio è stata appositamente progettata per l’ambiente cinematografico e offre un’esperienza audio iper-accurata con un esclusivo design in un unico cabinet compatto con una copertura sonora eccezionalmente uniforme in qualsiasi auditorium.

A fine gennaio la sede statunitense del gruppo è stata trasferita in un nuovo ufficio di maggiori dimensioni a Flander in New Jersey e due nuove professioniste, con pluriennale esperienza nel settore proAV, sono state nominate rispettivamente Business Development Manager e Global Marketing Director dell’area americana.

Il gruppo si prefigge di sviluppare nuove opportunità  promuovendo non solo il proprio brand ma anche soluzioni integrate audio in tutto il territorio americano. Intenzione confermata ad aprile con l’assunzione di tre nuovi senior managers con il compito di sviluppare i rapporti con consulenti, architetti e specificatori, di efficentare la gestione degli ordini e della logistica e di fornire supporto nella fase di progettazione a integratori di sistemi, architetti e designer.

Clicca qui per continuare a leggere l0analisi fondamentale su Powersoft elaborata da Market Insight.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti