Mercati, petrolio: l’Opec riduce le stime sulle domanda

A
A
A
di Gianluigi Raimondi 13 Ottobre 2022 | 10:29

Nell’ultimo Monthly Oil Market Report, l’Opec ha apportato un taglio sostanziale alle previsioni di crescita della domanda petrolifera globale sia per il 2022 che per il 2023, in risposta al deterioramento delle prospettive economiche. La revisione arriva meno di una settimana dopo che il Cartello Opec+ ha concordato un taglio della quota di greggio di 2 mbg, motivato dalle stesse preoccupazioni.

Nel dettaglio, la crescita della domanda globale di petrolio è ora prevista a +2.64 mbg anno su anno nel 2022, 460mila barili al giorno in meno rispetto alle proiezioni del mese scorso. La crescita della domanda per il 2023 è stata rivista al ribasso di 360mila barili al giorno a +2.34 mbg su base annua. L’Opec cita come fattori alla base della revisione del 2022 l’estensione delle restrizioni a zero Covid-19 della Cina in alcune regioni, le sfide economiche nell’Europa OCSE e le pressioni inflazionistiche in altre economie chiave.

Le proiezioni sulla domanda 2022 dell’OPEC si allineano quindi a quelle della IEA e della EIA a circa 99.7 mbg, mentre sul 2023 sono pari a 102.3 mbg, lo 0.5%/0.8% rispettivamente superiori a quelli delle altre due agenzie.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti